Coltello alla gola e poi preso in ostaggio: 40enne rapinato

Coltello alla gola e poi preso in ostaggio: 40enne rapinato

La vittima era al volante della sua automobile, nei pressi di Santa Maria Capua Vetere, quando è stato fermato dai rapinatori.


coltello alla gola

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Coltello alla gola e poi la richiesta di recarsi in un posto deserto. Attimi di terrore per un 40enne di caserta, che a seguito di una rapina è stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso.

La vittima era al volante della sua automobile, nei pressi di Santa Maria Capua Vetere, quando è stato fermato da alcuni uomini. Uno dei rapinatori era in possesso di un coltello a serramanico, che ha utilizzato per minacciare l’uomo al volante. Prima una lama puntata alla gola e poi la richiesta di guidare fino alla stazione ferroviaria di Caserta: questa è stata la dinamica della rapina. In quel luogo semi-deserto i malviventi hanno obbligato il guidatore a consegnargli tutto quello che aveva, soldi e telefono cellulare, poi lo hanno riempito di botte.

A seguito dell’aggressione la vittima è stata trasportata d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Andrea e San Sebastiano di caserta. I medici hanno riscontrato varie ferite e la rottura di due denti. Circa l’accaduto stanno indagano i militari della Compagnia dei Carabinieri di Caserta che hanno subito provveduto ad ascoltare la testimonianza dell’uomo.

TORNA ALLA HOME