Droga nascosta in ascensore: blitz dei carabinieri a Melito, due arresti

Droga nascosta in ascensore: blitz dei carabinieri a Melito, due arresti

Sequestrate numerose dosi di crack , cocaina e denaro proveniente dall’illecita attività


carabinieri

MELITO – Blitz dei carabinieri a Melito: due arresti e droga sequestrata. La scorsa notte, in Melito di Napoli,  i militari dipendente norm/aliquota operativa hanno arrestato in flagranza per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti i seguenti soggetti con precedenti di polizia: 1. D’Andrea Alessandro,  residente a Melito, Dell’Aversana Geremia, 32 anni, residente a Sant’arpino.

Predetti venivano sorpresi dagli operanti, impegnati in prolungato servizio di osservazione, in quella via Arno interno complesso edilizia popolare denominata “rione 219”, mentre davano vita ad intensa attività di spaccio ciascuno con specifico ruolo. circostanza il D’andrea Alessandro si occupava di raccogliere materialmente i soldi dai vari “acquirenti” per poi prelevare le dosi di sostanza stupefacente dall’interno di un intercapedine ricavato nella parte superiore del vano ascensore di uno stabile ivi ubicato, le quali venivano cedute a dell’aversana Geremia che, a sua volta, le consegnava ai vari “compratori”.

All’esito delle perquisizioni personali venivano rinvenute:

  • nr. 2 dosi di sostanza stupefacente del tipo crack del peso complessivo di gr. 2 (due), trovati nella materiale disponibilità del D’Andrea Alessandro

nonché all’interno del citato intercapedine venivano recuperati ulteriori:

  • nr. 12 (dodici) involucri contenenti stupefacente del tipo crack del peso complessivo di gr. 13,5 (tredici,cinque);

nr. 8 (otto) dosi di cocaina, contenute all’interno di bustine in cellophane, del peso totale di gr. 2,3(due,tre), nonché la somma in denaro contante dieuro 285,00 (duecentottantacinque),costituita da banconote di vario taglio, ritenuta provento dell’attività illecita, il tutto sottoposto a sequestro.

Nel medesimo contesto operativo veniva altresì identificato un acquirente, segnalato al competente u.t.g. quale assuntore di sostanze stupefacenti. Arrestati  dai carabinieri associati presso la casa circondariale di Napoli-Poggioreale in attesa dell’ udienza di convalida.