Ritardi e treni cancellati: le imprese ferroviarie comunicano il rimborso biglietti

Ritardi e treni cancellati: le imprese ferroviarie comunicano il rimborso biglietti

Trenitalia e Italo, a seguito dei disagi provocati dal maltempo, comunicano come ottenere il rimborso dei biglietti


NAZIONALE – I forti disagi provocati da Burian hanno messo a dura prova le imprese ferroviarie alle prese con lunghi ritardi e treni cancellati. Le due aziende del settore, hanno cercato di andare incontro a tutti i viaggiatori che hanno subito tali disagi ed hanno reso noto la possibilità di rimborso secondo determinati criteri.

RIMBORSO TRENITALIA

Trenitalia, principale società italiana per la gestione del trasporto ferroviario passeggeri,  ha disposto un rimborso per tutte le Frecce pari al 25% in caso di ritardo compreso tra i 30 e i 59 minuti, attraverso un buono che potrà essere utilizzato entro 12 mesi per l’acquisto di un nuovo biglietto e non è cumulabile con l’indennità riconosciuta in caso di ritardo superiore a 60 minuti né con indennità di altra tipologia. Qualora il ritardo fosse compreso tra 60 e 119 minuti  vi è un’indennità pari al 25% del prezzo del biglietto; per un ritardo di 120 minuti, invece, vi sarà un’indennità pari al 50% del prezzo del biglietto. In questi casi il viaggiatore, come riporta il Sole24ore,  può scegliere se richiedere un bonus per acquistare entro 12 mesi un nuovo biglietto, la cifra in contanti (per pagamenti effettuati in contanti) o il riaccredito in caso di pagamenti effettuati con carta di credito.

RIMBORSO ITALO

Italo ha invece comunicato che tutte le richieste di rimborso potranno essere effettuate anche contattando lo 06-0708. Per ritardi superiori ai 60 minuti, l’erogazione degli indennizzi avverrà in maniera automatica (senza quindi richiesta da parte del viaggiatore) entro l’11 marzo. Per ritardi superiori ai 120 minuti è, invece, previsto l’indennizzo eccezionale del 100%. Tale rimborso sarà corrisposto anche in caso di rinuncia al viaggio.