Giugliano, emergenza furti notturni: pattuglie di vigilanza gratuite

Giugliano, emergenza furti notturni: pattuglie di vigilanza gratuite

“Siamo di Giugliano e teniamo al nostro territorio” – racconta il presidente del gruppo Union Security Valerio Iovinella


notturni furti porcaro iovinella union security

GIUGLIANO – Dopo i numerosi furti notturni che stanno mettendo a rischio al sicurezza a Giugliano e l’appello della Confesercenti di Giugliano, la società di vigilanza privata Union Security scende in campo: potenziamento delle pattuglie sul territorio per garantire la sicurezza in collaborazione con le forze dell’ordine. “Siamo di Giugliano e teniamo al nostro territorio – racconta il presidente del gruppo Union Security Valerio Iovinella -. Quando siamo stati chiamati dalla Confesercenti abbiamo subito deciso di mettere in campo più uomini e mezzi per garantire la sicurezza dei commercianti, a prescindere se siano a meno nostri clienti. I periodi a ridosso delle festività sono momenti delicati dove vengono tentati o messi a segno numerosi raid e il nostro scopo è quello di evitare che questa gente possa danneggiare chi, come noi, lavora in modo duro ogni giorno per assicurare un futuro ai propri figli.

Abbiamo l’obbligo morale – conclude Iovinella – di metterci a disposizione della collettività per far si che non accadano più fatti del genere e dando, così, un supporto alle forze dell’ordine”. Intanto, il presidente della Confesercenti di Giugliano Rosario Porcaro, la prossima settimana incontrerà le forze dell’ordine: “Ci sarà un incontro con la polizia, i carabinieri e la Union Security del presidente Iovinella – spiega – dove si attiverà una sinergia tra tutti per contrastare questa ondata di microcriminalità che sta mettendo a rischio il commercio in città, soprattutto di notte, dove vengono messi a segno i furti. La presenza di polizia, carabinieri e degli agenti della Union Security – conclude – di certo sarà un buon contrastato a questa escalation criminale”. Non a caso, pochi giorni fa, la Union Security era scesa in campo per i commercianti e i residenti di via Santa Caterina da Siena, strada sprofondata dopo il crollo dell’alveo, mettendo a disposizione nelle ore notturne una pattuglia per vigilare nella zona sgomberata.

Prima ancora, il presidente Iovinella, aveva tenuto con se ben 11 dipendenti che sarebbero dovuti passare con un’altra società dopo che era stata persa una gara d’appalto per la sicurezza in undici filiali bancarie, dipendenti che l’azienda subentrate non aveva accettato e che aveva messo in strada: Iovinella aveva deciso, così, di tenerli con se ed evitare che si trovassero in mezzo ad una strada.