Imprenditore esempio: non gli rinnovano l’appalto e non decide di licenziare i suoi dipendenti

Imprenditore esempio: non gli rinnovano l’appalto e non decide di licenziare i suoi dipendenti

«Non hanno accettato il passaggio di cantiere e non posso mandare per strada undici famiglie», dichiara Valerio Iovinella, Presidente del Gruppo Union Security


imprenditore

GIUGLIANO –  L’appalto per il servizio di guardie giurate di alcuni istituti di credito non è stato rinnovato. L’imprenditore decide di non licenziare 11 dipendenti.

Tutelare i dipendenti ed il benessere delle loro famiglie nell’attuale periodo forte crisi economica, prediligendo le esigenze dei suoi lavoratori.  Valerio Iovinella, Presidente del Gruppo Union Security, veste i panni di un imprenditore cosciente delle sue responsabilità e per questo ha deciso di far fronte a queste circostanze mettendo al primo posto il futuro lavorativo dei suoi dipendenti. «Non hanno accettato il passaggio di cantiere, ma non posso mandare per strada undici famiglie».

Nel caso specifico, l’Azienda Metronotte Group rifiutava di ottemperare al cambio appalto in quanto secondo la stessa non è tenuta all’assorbimento delle guardie giurate particolari, applicando un contratto collettivo nazionale di lavoro diverso.

Iovinella –  come si evince dal verbale di accordo tra l’azienda e i sindacati  – dichiara di non condividere le comunicazioni ricevute dalle aziende Metronotte Group, Lavoro e Giustizia e Poliziotto Notturno e per salvaguardare i dipendenti in forza dell’azienda, non proseguirà alla prosecuzione della procedura.  

«Ero preoccupato per loro, per le loro famiglie e così – spiega Iovinella – ho deciso di non procedere ai licenziamenti visto che la ditta che è subentrata al nostro posto per la gestione della sicurezza avrebbe dovuto assumerli con un normale passaggio di cantiere. I dipendenti – conclude il Presidente del Gruppo Union Security  – saranno impiegati in altri appalti gestiti dalla nostra azienda»

«Le organizzazioni sindacali, meravigliate da tali dichiarazioni che non hanno alcun precedente settoriale e che denotano un forte senso di responsabilità rispetto al futuro occupazionale dei lavoratori si dichiarano soddisfatte in quanto le undici guardie giurate particolari continueranno a lavorare alle dipendenze di un gruppo storico che fa dell’interesse dei lavoratori un’esigenza primaria».

La storia dell’imprenditore giuglianese più unica che rara dovrebbe far riflettere e riportare la discussione sul lavoro al centro del dibattito nazionale.