Qualiano, Villa Comunale: un incubo senza fine tra incuria e lucchetti ai cancelli

Qualiano, Villa Comunale: un incubo senza fine tra incuria e lucchetti ai cancelli

Domenica l’ennesima sorpresa per chi aveva programmato di portare i propri figli nella villetta vicino casa per un paio d’ore di svago: i cancelli erano inspiegabilmente chiusi, nessun cartello di spiegazioni


incuria lucchetti degrado villa comunale qualiano

QUALIANO – Tra lucchetti ai cancelli e incuria, continuano i disagi per la cittadinanza. Sempre più scottante la questione villa comunale di Qualiano. Nonostante le tante lamentele dei cittadini, costretti ad “emigrare” nelle ville comunali dei paesi limitrofi, la situazione sembra non trovare pace. Domenica l’ennesima sorpresa per chi aveva programmato di portare i propri figli nella villetta vicino casa per un paio d’ore di svago, i cancelli erano
inspiegabilmente chiusi, nessun cartello di spiegazioni. Nei giorni in cui rimane aperta, la villetta vive uno stato di totale abbandono e degrado, erba alta, fogliame non raccolto, unica giostrina per niente sicura. Nonostante un’associazione supporti i dipendenti comunali, la villetta presenta un degrado disarmante. Più volte i cittadini hanno denunciato lo stato di abbandono, sia attraverso i social, sia nelle sedi dell’Amministrazione Comunale, ad oggi le loro richieste sono rimaste inascoltate.

Come ormai consuetudine, le famiglie, nei giorni festivi, sono costrette a prendere le autovetture e recarsi nei paesi adiacenti per regalare ai propri figli un paio di ore di svago. Alcuni cittadini si sono offerti gratuitamente di gestire lo spazio e provare a renderlo quantomeno presentabile. Si sono creati dei comitati spontanei nonché alcune associazioni hanno avanzato tale richiesta. Nessuna risposta da parte dell’Amministrazione Comunale. Gli screzi tra le istituzioni locali e l’associazione che dovrebbe curare la villa continuano, così come la popolazione qualianese continua a non poter usufruire dell’unico spazio dove i bambini possono giocare spensierati.