Sanità Beneduce: Prendere atto del fallimento e smetterla con gli Osservatori e le inaugurazioni nel rispetto dei cittadini

Sanità Beneduce: Prendere atto del fallimento e smetterla con gli Osservatori e le inaugurazioni nel rispetto dei cittadini

La consigliera: “I cittadini sono stanchi dei proclami e delle operazioni di facciata”


REGIONE CAMPANIA – “In un sistema sanitario come quello campano i dati degli svariati Osservatori danno solo la dimensione numerica di una situazione disastrosa e di un fallimento totale, oltre l’analisi c’è il nulla” – è il commento di Flora Beneduce, consigliere regionale e responsabile del Dipartimento Sanità di Forza Italia, alle notizie di stampa sui dati dell’Osservatorio regionale per le cure domiciliari. “Forse è il caso di smetterla con le inaugurazioni e con la composizione di Osservatori e mettere mano alla sanità, ma quella vera”.

“Nelle ASL ci sono i servizi socio-sanitari di Assistenza domiciliare integrata (ADI) e di Assistenza domiciliare ospedaliera (ADO) ma non funzionano per mancanza di personale e di strutture; i pazienti, specie gli anziani, sono lasciati  soli a combattere contro una burocrazia ingessata che non tiene conto né delle difficoltà né delle priorità”. “I cittadini sono stanchi dei proclami – aggiunge la consigliera – e sono stanchi di operazioni di facciata”. “Dovrebbe passare sottotraccia la realizzazione di un Hospice presso il Presidio San Gennaro dell’ASL Napoli 1 visto che nelle regioni del Nord ce ne sono 20 mentre in Campania solo 2 e invece sulla stampa passa come se fosse il “miracolo di San Gennaro””.

“Il governatore De Luca si metta nei panni dei cittadini-utenti, dei familiari disperati che si ritrovano a dover fare assistenza non solo domiciliare ma anche ospedaliera ai loro congiunti senza un minimo di sostegno perché non c’è una rete territoriale che garantisce assistenza”. “In tre anni il governo regionale ha annunciato a più riprese un cambiamento del sistema sanitario che non c’è stato – continua  la Beneduce –  c’è stato invece un susseguirsi di errori a partire dalla nomina di direttori generali senza titoli”. “Che fine ha fatto la legge sull’autismo visto che i bambini continuano a non essere curati, a che punto è il Piano Ospedaliero, perché si consente a Presidi come quello dell’Apicella di Pollena Trocchia di essere vandalizzati anziché utilizzati, tutte domande a cui non c’è risposta”.

“Ma il governatore De Luca lo sa che l’Obi dell’Ospedale di Castellammare è stata chiusa mezz’ora dopo l’inaugurazione e sono sette mesi che i pazienti aspettano la riapertura? ““L’unica certezza che abbiamo è che ci sarà un Osservatorio che registrerà i dati, così siamo proprio sicuri di essere ultimi e non solo nella sanità” – conclude la Beneduce.

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage