Torna il calcio a Scampia: inaugurato lo stadio realizzato con 10mila pneumatici riciclati

Torna il calcio a Scampia: inaugurato lo stadio realizzato con 10mila pneumatici riciclati

Come nome è stato scelto “Antonio Landieri, vittima innocente di camorra””


Un momento della cerimonia di inaugurazione del nuovo campo di calcio di via Hugo Pratt, nel Rione Scampia di Napoli, Napoli, 8 Novembre 2017. La struttura è stata intitolata ad Antonio Landieri, vittima innocente della camorra, ucciso durante un raid, il 6 novembre 2004, compiuto dal clan degli scissionisti. Antonio aveva appena 25 anni quando cadde trafitto da due proiettili alla schiena sparati dai killer durante la prima faida di camorra. ANSA/ CIRO FUSCO

NAPOLI – Dopo dodici anni Scampia, il popoloso quartiere delle ‘Vele’ in periferia di Napoli, ha di nuovo il suo stadio. Ieri, infatti, la Commissione di vigilanza di Pubblico Spettacolo ha certificato per l'”Antonio Landieri, vittima innocente di camorra” la definitiva agibilità.

Per realizzare il terreno di gioco dello stadio, omologato per la Lega Nazionale Dilettanti e che potrà ospitare fino a 1300 spettatori, è stata utilizzata la gomma proveniente dal riciclo di 10mila pneumatici. “E’ il risultato di una sinergia istituzionale tra l’Ottava Municipalità ed il Comune di Napoli – ha dichiarato Apostolos Paipais, presidente della Municipalità – che portato ad un importante risultato per questo territorio”.

“Una struttura attesa dai ragazzi del quartiere a Nord di Napoli – ha commentato Alberto Patruno assessore al welfare e politiche giovanili dell’ottava Municipalità – intitolata ad una altro ragazzo, Antonio, che nel 2004 fu ucciso per errore in un agguato con due colpi di pistola alla schiena”.

LE FOTO

Un’immagine ricordo di Antonio Landieri, vittima innocente della camorra, ucciso durante un raid, il 6 novembre 2004, compiuto dal clan degli scissionisti, a cui è stato intitolato il nuovo campo di calcio di via Hugo Pratt, nel Rione Scampia di Napoli, Napoli, 8 Novembre 2017. ANSA/ CIRO FUSCO
Lo stadio ‘”Antonio Landieri, vittima innocente di camorra” a Scampia dichiarato agibile dopo 12 anni, Napoli, 12 aprile 2018. ANSA
Un momento della cerimonia di inaugurazione del nuovo campo di calcio di via Hugo Pratt, nel Rione Scampia di Napoli, Napoli, 8 Novembre 2017. La struttura è stata intitolata ad Antonio Landieri, vittima innocente della camorra, ucciso durante un raid, il 6 novembre 2004, compiuto dal clan degli scissionisti. Antonio aveva appena 25 anni quando cadde trafitto da due proiettili alla schiena sparati dai killer durante la prima faida di camorra. ANSA/ CIRO FUSCO
Un’immagine ricordo di Antonio Landieri, vittima innocente della camorra, ucciso durante un raid, il 6 novembre 2004, compiuto dal clan degli scissionisti, a cui è stato intitolato il nuovo campo di calcio di via Hugo Pratt, nel Rione Scampia di Napoli, Napoli, 8 Novembre 2017. ANSA/ CIRO FUSCO
Un momento della cerimonia di inaugurazione del nuovo campo di calcio di via Hugo Pratt, nel Rione Scampia di Napoli, Napoli, 8 Novembre 2017. La struttura è stata intitolata ad Antonio Landieri, vittima innocente della camorra, ucciso durante un raid, il 6 novembre 2004, compiuto dal clan degli scissionisti. Antonio aveva appena 25 anni quando cadde trafitto da due proiettili alla schiena sparati dai killer durante la prima faida di camorra. ANSA/ CIRO FUSCO
Un momento della cerimonia di inaugurazione del nuovo campo di calcio di via Hugo Pratt, nel Rione Scampia di Napoli, Napoli, 8 Novembre 2017. La struttura è stata intitolata ad Antonio Landieri, vittima innocente della camorra, ucciso durante un raid, il 6 novembre 2004, compiuto dal clan degli scissionisti. Antonio aveva appena 25 anni quando cadde trafitto da due proiettili alla schiena sparati dai killer durante la prima faida di camorra. ANSA/ CIRO FUSCO

 

Un momento della partita di calcio organizzata in occasione della cerimonia di inaugurazione del nuovo campo di calcio di via Hugo Pratt, nel Rione Scampia di Napoli, Napoli, 8 Novembre 2017. La struttura è stata intitolata ad Antonio Landieri, vittima innocente della camorra, ucciso durante un raid, il 6 novembre 2004, compiuto dal clan degli scissionisti. Antonio aveva appena 25 anni quando cadde trafitto da due proiettili alla schiena sparati dai killer durante la prima faida di camorra. ANSA/ CIRO FUSCO

 

fonte ANSA