A Napoli cresce il tasso delle scommesse virtuali in agenzia

A Napoli cresce il tasso delle scommesse virtuali in agenzia

Nei primi 5 mesi del 2018 la somma giocata è di 107 milioni di euro a fronte di vincite per 16,6 milioni


NAPOLI – Cresce il dato riferito alle scommesse virtuali effettuate in agenzia e sul podio delle città più attive si piazza Napoli; per chi non conoscesse il settore, quando si parla di scommesse virtuali si fa riferimento a scommesse effettuate su eventi simulati al computer. Una sorta di rappresentazione visuale di un evento che non avviene realmente.  Quasi sempre questi simulatori vanno a replicare eventi reali, come ad esempio match calcistici di cartello a conferma del fatto che gli italiani sono un popolo appassionati di calcio, sport indiscutibilmente più seguito nel nostro paese e in grado di attirare interesse a livello trasversale.

Non a caso allargando un po’ gli orizzonti sono proprio le scommesse calcio a rappresentare uno dei giochi preferiti nel nostro paese. Tant’è che sono già disponibili online le quote calcio vincente Serie A 2018/2019. Ed oltre al calcio si punta molto anche su altri sport come tennis, formula 1, basket ecc..

Dicevamo del caso di Napoli, che sempre secondo i dati forniti dai Monopoli di Stato risulta essere la provincia dove nei primi cinque mesi del 2018 si è puntato di più sulle scommesse virtuali: ben 107 milioni di euro per una spesa al netto delle vincite che arriva a 16,6 milioni di euro.  Dopo Napoli la città con il più elevato tasso di gioco è stata Roma, con 45,3 milioni di euro puntati e una spesa effettiva di 7,1 milioni. Terzo posto per Milano con 35,9 milioni giocati e spesa di 5,5 milioni.

Un risultato non da poco che va ad incastonarsi in un quadro già molto proficuo, quello del gioco in genere: analizzando la fetta più importante, sono soprattutto casinò games e scommesse sportive ad essere nelle grazie degli italiani. Ed a crescere è l’intero settore dell’online.

Qui il discorso diventa di più ampio respiro su livelli nazionali se è vero che, nel 2017, la spesa per il gioco online in Italia è cresciuta del 34% raggiungendo quota 1,37 miliardi di euro. La spesa media per giocatore è di 120 euro, anche qui dati in crescita di un +8% rispetto al precedente anno. Una passione smisurata quella degli italiani per tutto ciò che riguarda il gioco: e quando questa attitudine si fonde con lo sport più amato del paese si registrano tendenze come quella sopra descritta.

Le scommesse virtuali sono una vera e propria novità: si parla di giocare virtualmente come se si trattasse di un videogioco, eppure in modo anche abbastanza incredibile, con il passare dei mesi tali strumenti hanno visto crescere in modo esponenziale l’interesse degli utenti e oggi rappresentano un discreto bacino al quale attingere. Segno evidente della fame di calcio, e sport in generale, che caratterizza il nostro paese; soprattutto se rapportata al gusto del brivido di scommetterci sopra.