Armi, soldi e droga in casa: contiguo del clan arrestato dai carabinieri

Armi, soldi e droga in casa: contiguo del clan arrestato dai carabinieri

Nella camera da letto dell’uomo i militari dell’arma hanno scovato il tesoro del clan


NAPOLI – Eccellente operazione dei carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Poggioreale che ieri, dopo un incessante lavoro nell’ambito dell’attività info- investigativa, hanno tratto in arresto REPETTI MAURIZIO, 29 anni, residente a Barra.

Nella camera da letto dell’uomo i militari dell’arma, dopo un’attenta perquisizione, hanno ritrovato e sequestrato:

  • in una busta una pistola glock 19 con caricatore,
  • 14 munizioni calibro 9 luger,
  • 51 proiettili dello stesso calibro,
  • 71 proiettili da guerra calibro 5.56 Nato,
  • quasi 6 kg di droga tipo hashish,
  • una busta di marijuana per 635 grammi,
  • 5 involucri di crak,
  • 36 grammi di cocaina,
  • 6 mila euro in contanti

L’arresto è stato tradotto alla casa circondariale  di Poggioreale in attesa di convalida. Pare che l’uomo sia contiguo al clan camorristico dei Minichini. 

Altra importante operazione dei carabinieri della stazione di Poggioreale durante un servizio anticontraffazione. I militari dell’arma hanno arrestato Notaro Gennaro, classe 89, per detenzione di arma clandestina, reato di contraffazione e ricettazione.

L’uomo in un box a Ponticelli custodiva scarpe, vestiti ed accessori contraffatti ma di ottima fattura e qualità, tanto che rivendeva e distribuiva i suoi capi ai negozi della zona. Inoltre il soggetto deteneva una pistola Browning calibro 6.35 con matricola abrasa.

 

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI