Condizioni igienico sanitarie precarie: sequestrati 80 kg di pane

Condizioni igienico sanitarie precarie: sequestrati 80 kg di pane

Il maxi sequestro avvenuto per violazioni delle regole a tutela del consumatore


SALERNO – Gli ufficiali del nucleo annonario, coordinati dal comandante della polizia municipale Elvira Cantarella, hanno sequestrato 80 kg di pane per violazioni delle regole a tutela del consumatore.

Il sequestro è avvenuto lungo Corso Garibaldi quando gli ufficiali hanno notato il conducente di un furgonato, forse un dipendente di un panificio locale, che prelevava dal veicolo una cesta di plastica forata con all’interno pane di fresca produzione senza busta idroforata, come previsto per legge.

Gli agenti  hanno proceduto alla contestazione di 833 euro relativa alle disposizioni in materia di confezionamento e commercializzazione del pane. In seguito, durante una sommaria ispezione dell’interno del furgonato, gli ufficiali intervenuti hanno rilevato che, oltre alla violazione amministrativa, la presenza di 5 ceste di pane già predisposte per la consegna alle singole rivendite – per un totale di 70 kg circa – poggiate a terra in un ambiente assolutamente non idoneo per il trasporto di alimenti. Altre due buste, contenente sempre pane prodotto dallo stesso panificio, per ulteriori 10 kg, erano invece state collocate nell’abitacolo di guida, più precisamente sul sedile del passeggero e a terra. Evidenti erano, in entrambi i casi, le carenze igienico sanitarie.

L’intervento degli ispettori d’Igiene della locale Azienda Sanitaria è sfociato in un giudizio di non commestibilità per evidenti rischi alla salute pubblica, di qui, sentito il pm di turno,il sequestro penale dell’intero carico di pane, con la custodia giudiziaria affidata al titolare dell’attività, successivamente convocato presso gli uffici del Nucleo Annonario per la notifica degli gli atti.