Melito, lunedì il convegno sulle nuove tecniche di cura dell’Epatite C

Melito, lunedì il convegno sulle nuove tecniche di cura dell’Epatite C

Il sindaco: “Diamo la possibilità ai cittadini di conoscere nuovi metodi per sconfiggere la malattia”


MELITO – Un convegno per discutere delle nuove tecniche di cura dell’Epatite C, appuntamento alle 18,30 di lunedì 18 giugno 2018 presso la sala meeting della biblioteca comunale in piazza Santo Stefano. A promuovere l’iniziativa, il sindaco Antonio Amente ed il suo vice, nonché assessore alle Politiche sociali Luciano Mottola, coadiuvati da esperti del settore medico.

«L’obiettivo è di eliminare l’Epatite C entro il 2030, la stessa cosa avvenuta anni fa con il vaiolo» ha affermato il dottor Amedeo Cecere incontrando ieri pomeriggio la stampa nella stanza del primo cittadino melitese. Secondo il medico «è necessario una campagna informativa a favore della cittadinanza in merito ad una malattia che ora si può contrastare con maggiore efficacia. Il 50% in Italia dei casi di epatite riguarda l’Hcv, con l’infiammazione del fegato, del polmone o del colon con il 10% solo in Campania per carcinoma epatocellulare. Ma oggi tutte le categorie a rischio, dai tossicodipendenti o a chi ha piercing, si può curare». Il sindaco Amente dà «appuntamento al 18 giugno per spiegare tutti i progressi medici sul contrasto all’Epatite C. Le terapie ora sono accessibili a tutti e i cittadini devono conoscerle perché in oltre il 90% dei casi si può guarire. Va fatto emergere il sommerso, cioè chi è malato e non lo sa. Da medico, ho riscontrato un tasso alto di epatite C tra i residenti a Melito, bisogna informarsi per prevenire e curare la malattia. Ecco perché ci ho tenuto particolarmente ad organizzare il convegno, che, sono certo vedrà una gran partecipazione di cittadini melitesi».