Operaio licenziato si cosparge di benzina sotto casa di Di Maio

Operaio licenziato si cosparge di benzina sotto casa di Di Maio

L’uomo è uno dei cinque operai della Fca di Pomigliano d’Arco


In un frame uno dei cinque operai della Fca di Pomigliano d'Arco per cui la Cassazione ha dato oggi l'ok al licenziamento, che si è prima incatenato davanti casa del ministro del Lavoro Luigi Di Maio, a Pomigliano d'Arco (Napoli), e poi si è cosparso la testa con una bottiglia di benzina. L'operaio, Mimmo Mignano, è in compagnia di un altro dei licenziati. Le forze dell'ordine lo hanno bloccato e lo hanno soccorso. (ANSA).

POMIGLIANO D’ARCO – Uno dei cinque operai della Fca di Pomigliano d’Arco per cui la Cassazione ha dato oggi l’ok al licenziamento, si è incatenato davanti casa del ministro del Lavoro Luigi Di Maio, a Pomigliano d’Arco (Napoli), e si è cosparso la testa con una bottiglia di benzina.
L’operaio, Mimmo Mignano, è in compagnia di un altro dei licenziati. Le forze dell’ordine lo hanno bloccato e lo hanno soccorso.

FONTE E FOTO ANSA