Rifiuti pericolosi per ampliare la Nola – Villa Literno, coinvolta una ditta di Giugliano

Rifiuti pericolosi per ampliare la Nola – Villa Literno, coinvolta una ditta di Giugliano

I rifiuti venivano prelevati da due discariche abusive e poi utilizzati come sottofondo statale per l’ampliamento della provinciale


rifiuti ok

VILLA LITERNO – Rifiuti pericolosi, plastica, materiale edile e pneumatici utilizzati per ampliare la corsia di decelerazione della Nola – Villa Literno. E’ quanto scoperto dai carabinieri del Noe di Caserta che hanno sequestrato, nel casertano, due aree di circa 2000 metri quadri con quasi 1200 metri cubi di rifiuti e alcuni mezzi meccanici utilizzati per lo scavo e trasporto dei rifiuti.

Proprio da queste due discariche abusive sarebbero stati presi i rifiuti utilizzati come sottofondo stradale sulla statale. I lavori, appaltati ufficialmente ad una società di Aversa, sono invece stati eseguiti  da una ditta di Giugliano, che però lavorava senza alcuna autorizzazione per il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti. Proprio i dipendenti della ditta di Giugliano prelevavano i rifiuti dalle due discariche abusive e li portavano nel cantiere sulla Nola – Villa Literno.

I rappresentanti di entrambi le società e gli operai sono stati tutti denunciati per il reato smaltimento illecito di ingenti quantitativi di rifiuti speciali, costituendo di fatto una discarica abusiva.