Violenze e minacce a scuola: la madre superiora aveva cercato di nascondere tutto

Violenze e minacce a scuola: la madre superiora aveva cercato di nascondere tutto

Bimbi minacciati, tenuti a digiuno e in alcuni casi anche chiusi in una stanza buia


SAN MARCELLINO – Emergono nuovi dettagli nella vicenda che ha colpito una scuola paritaria per l’infanzia nel comune di San Marcellino: 4 suore sono state sospese dall’insegnamento per la durata di un anno, perché accusate di maltrattamenti aggravati ai danni di alcuni minori.

Le continue violenze sarebbero però state coperte dalla madre superiora, che avrebbe cercato di nascondere ciò che avveniva all’interno della scuola e di “comprare” il silenzio delle mamme, quando le stesse chiedevano il perché della presenza di segni sul corpo dei piccoli, sostenendo che i bimbi dicono spesso bugie. La donna è quindi accusata di intralcio alla giustizia.

Fondamentali sono stare le disposizioni delle mamme che, insospettite da alcuni atteggiamenti, hanno chiesto l’aiuto dei carabinieri per risalire alla verità dei fatti e della presenza delle telecamere installate dagli investigatori, in cui sono emerse immagini che eliminavano qualsiasi dubbio: bimbi minacciati, tenuti a digiuno e in alcuni casi anche chiusi in una stanza buia.