“Il campo della Chiesa è abusivo”, a Villaricca dall’aula del consiglio a quella del tribunale

“Il campo della Chiesa è abusivo”, a Villaricca dall’aula del consiglio a quella del tribunale

La relazione dell’ufficio tecnico smentisce le accuse: “Tutto regolare”


campo

VILLARICCA – Una vicenda che dall’aula del consiglio comunale di Villaricca potrebbe arrivare fino a quella del tribunale, al centro della contesa il campo di calcio adiacente alla chiesa San Pasquale Baylon, costruito dalla parrocchia nei primi anni ’80. A gettare ombre sulla struttura fu il consigliere Aniello Granata durante l’assise del 22 febbraio, secondo il quale il campo sarebbe stato abusivo poiché realizzato senza regolare autorizzazione e occupando una strada comunale. Accusa non gradita dal parroco don Alfonso Ricci, che avrebbe deciso di adire le vie legali.

Nello stenotipato della seduta consiliare si legge infatti Granata esclamare: “Chiedemmo a padre Alfonso di togliere il campo di pallone che è sulla strada comunale. L’ho chiesto dieci volte qui dentro”. E poi: “Quella strada è occupata. Andate ad accertare l’abuso del campo perché è posto sulla strada comunale. Quando la Commissione va girando deve constatare queste cose, si deve vedere che una strada non c’è più”. Indicazioni precise, che non passarono inosservate e spinsero il vice sindaco Francesco Mastrantuono, con delega all’urbanistica, a chiedere un sopralluogo della Polizia Locale e una consulenza tecnica a cura dell’Ufficio Tecnico.

Proprio nella relazione del dirigente Antonio Palumbo si legge che “non sussiste alcun tipo di abuso nel complesso in esame”. Un documento che smentisce di fatto le dichiarazioni di Granata rese in consiglio comunale, per le quali è molto probabile che arrivi una querela da parte del parroco e che la vicenda possa trovare seguito nelle aule del Tribunale.