Rapinatore seriale di I Phone finisce in manette, minacciava le vittime con un coltello

Rapinatore seriale di I Phone finisce in manette, minacciava le vittime con un coltello

Fondamentale per l’identificazione le immagini delle telecamere di videosorveglianza


rapinatore

PORTICI – Rapinatore seriale di I Phone finisce in manette, minacciava le vittime con un coltello. Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. Portici Ercolano hanno sottoposto a fermo di P.G.,  P.M. 26enne di Portici, perché gravemente indiziato del reato di rapine aggravate.

Il giovane, il 29 giugno scorso, si è reso responsabile di una rapina ai danni di un ventenne, il quale, mentre rientrava a casa, è stato avvicinato da un giovane appiedato che, minacciandolo con un coltello, gli ha rapinato il cellulare di marca I Phone.

Il primo luglio, con lo stesso modus operandi , un diciannovenne è stato  rapinato del cellulare I Phone  sotto minaccia di un coltello.

La descrizione del rapinatore, fatta dalle vittime di entrambe le rapine,  presentava un denominatore comune nelle caratteristiche fisiche del  malvivente, in particolare la costituzione molto  magra ed i diversi nei sul viso, inoltre il secondo giovane rapinato,  ha fornito, in sede di denuncia,  una dettagliata descrizione degli abiti indossati dal rapinatore.

Tutti questi particolari  non sono sfuggiti all’attenzione dei poliziotti che, ben conoscendo i soggetti malavitosi gravitanti nelle aree porticesi, hanno individuato nel giovane fermato il presunto autore delle rapine.

Ulteriore riscontro è stato acquisito dalle immagini di videosorveglianza di alcuni esercizi commerciali della zona delle rapine, avvenite entrambe in via Scalea,  che hanno confermato l’ipotesi investigativa.

Nell’abitazione dello stesso sono stati trovati i capi di abbigliamento  dettagliatamente descritti, pertanto  P.M.,  è stato condotto negli uffici di Polizia per gli approfondimenti necessari  e successivamente associato presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale