Tradito dal profilo social della moglie, dai domiciliari ritorna in carcere

Tradito dal profilo social della moglie, dai domiciliari ritorna in carcere

L’uomo aveva ricevuto il divieto di contatti telematici


tradito dal profilo facebook

SALERNO – Tradito dal profilo social della moglie, pregiudicato ai domiciliari ritorna in carcere: e’ la storia di Gennaro Basta, residente a San Valentino al Torio nel salernitano. L’uomo, al centro di alcune inchieste per spaccio di droga aveva ottenuto da poco gli arresti domiciliari con ordine restrittivo, gli era stata vietata qualunque forma di comunicazione telematica (Facebook, internet e altri social network), poi anche il permesso di lavoro. Ma non ha rispettato le regole ed ha iniziato ad essere tacciabile su internet attraverso il profilo Facebook della moglie, difatti dalle indagini dei carabinieri si è scoperto che l’uomo stava addirittura gestendo il profilo, parlando anche con più persone. Sull’account si vedevano foto che ritraevano il viso dell’uomo con alcuni commenti, tra tutti quello schiacciante: l’invito da parte di un’utente a salutare la moglie, un commento che ha fatto palesemente evincere che non ci fosse la donna dietro la schermata. Basta è stato condotto in carcere.