Fabbrica documenti falsi in casa: scoperto dai carabinieri

Fabbrica documenti falsi in casa: scoperto dai carabinieri

L’uomo utilizzava un indirizzo email istituzionale per ottenere dati da cittadini ignari


CAIVANO – I Carabinieri della Tenenza di Caivano al culmine di attività investigativa hanno tratto in arresto per possesso e per falsificazione di documenti di identità  Fabio Paolone, 30enne domiciliato ad Orta di Atella, già noto alle forze dell’ordine per reati specifici.

Le indagini dei Carabinieri di Caivano hanno consentito di accertare che l’uomo, usando l’intestazione della Tenenza dei carabinieri ed un indirizzo email simile a quello istituzionale, aveva inoltrato ad alcuni uffici anagrafe false denunce di smarrimento di documenti d’identità al fine di ottenere i dati di ignari cittadini e usarli per la creazione di documenti falsi. Dopo complessi accertamenti informatici i militari dell’Arma hanno individuato la casa e la postazione informatica dalla quale l’uomo aveva inviato le email e vi hanno fatto irruzione effettuando perquisizione delegata dall’Autorità Giudiziario.

Nel corso dell’atto di indagine sono stati rinvenuti e sequestrati 600 Euro in denaro contante ritenuti provento di attività illecita, 2 carte di identità in bianco rubate al Comune di Maddaloni nel 2017, 3 Carte di identità false con le foto del 30enne e di un suo congiunto ma i dati di altre persone, 10 carte di identità false in bianco senza numero del poligrafico, 8 schede magnetiche con microchip per documenti elettronici, 3 tessere sanitarie false, 11 timbri comunali falsificati, una stampante a colori, una stampante termica per tessere magnetiche 4 personal computer e altri attrezzi e accessori per la falsificazione. Dopo le formalità di rito l’arrestato è stato tradotto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.