Rapina pluriaggravata in concorso: quattro arrestati, due sono napoletani

Rapina pluriaggravata in concorso: quattro arrestati, due sono napoletani

I due partenopei, ex detenuti, erano stati accolti dal parroco di una chiesa nel centro storico per un progetto di reinserimento sociale, ma pochi giorni dopo dalla revoca della libertà vigilata hanno rapinato una gioielleria


SIENA/MILANO – All’uscita dal carcere due compagni di cella di origine napoletana erano stati accolti dal parroco di una chiesa nel centro storico di Siena per un progetto di reinserimento sociale, ma pochi giorni dopo dalla revoca della libertà vigilata hanno rapinato una gioielleria a Torrita di Siena con l’ausilio di altri due malviventi residenti a Milano. I fatti risalgono al 15 dicembre 2017, e i 4 uomini di età compresa tra i 40 e i 50 anni, dopo mesi d’indagini condotte con l’ausilio delle telecamere di videosorveglianza e intercettazioni telefoniche, sono stati arrestati ieri con l’accusa di rapina pluriaggravata in concorso. Per uno degli arrestati, anche grazie alla collaborazione del parroco, le manette sono scattate proprio all’interno della chiesa dove era stato accolto.

Le altre misure di custodia cautelare sono state eseguite una a Napoli e due a Milano dove un malvivente si era barricato in casa rendendo necessario l’intervento dei vigili del fuoco per permettere ai carabinieri di Poggibonsi di irrompere nell’abitazione attraverso una finestra. Nella casa sono stati rinvenute e poi sequestrate pistole e munizioni oltre a manette e un lampeggiante usati durante i colpi.

FONTE: ILMATTINO.IT