Sant’Antimo, Chiariello (cdx): “c’è bocciatura conti, Sindaco non si arrampichi su specchi”

Sant’Antimo, Chiariello (cdx): “c’è bocciatura conti, Sindaco non si arrampichi su specchi”

“Tutto questo a quasi due anni dal suo insediamento e dopo aver goduto ed usufruito a piene mani della più totale discrezionalità per nominarsi esperti di fiducia e funzionari poi scappati a gambe levate”, dice il Coordinatore dei consiglieri di opposizione di centrodestra


Sant'Antimo

SANT’ANTIMO – “Il sindaco di Sant’Antimo non smentisce la bocciatura dei suoi conti operata dal Collegio dei Revisori, né il buco di oltre un milione di euro e senza argomentazioni concrete continua a puntare l’indice sulle passate amministrazioni con tesi fantasiose e irrazionali. Oltretutto la gestione dei settori vitali delle precedenti amministrazioni sono state gestite a pieno titolo dai suoi attuali sodali di maggioranza. Eventualmente continuasse a rivolgersi a loro e non al sottoscritto che ha gestito per sette anni la delega della pubblica istruzione.  Tutto questo a quasi due anni dal suo insediamento e dopo aver goduto ed usufruito a piene mani della più totale discrezionalità per nominarsi esperti di fiducia e funzionari poi scappati a gambe levate”. Lo afferma il consigliere comunale Corrado Chiariello, Coordinatore dei consiglieri di opposizione di centrodestra del Comune di Sant’Antimo (Na).

“Nessun rancore verso nessuno, men che meno per l’esito negativo (soprattutto per la città di Sant’Antimo) delle elezioni amministrative anche se il tempo e chi ne ha competenza istituzionale ci diranno se è stato democratico il risultato. Il grande rispetto che ho per le regole democratiche e per il mandato consiliare mi impone un preciso dovere in termini di attività ispettiva, quel dovere/prerogativa che negli anni scorsi dall’opposizione non hanno mai esercitato alcuni consiglieri comunali a cominciare da quello più vicino al sindaco: chi si è candidato a guidare il Comune ha il dovere di amministrare e risolvere i problemi dei suoi concittadini, non di lagnarsi, non di curarsi d’altro. Piuttosto riconosca lui il ruolo, più che mai importante e di grande rilevanza oltre che propositivo dell’attuale opposizione che più volte ha tentato di dialogare e confrontarsi con grande senso di responsabilità. Amministri e risolva i problemi. Se non ne è capace non è un problema nostro, lasci perdere. I risultati della sua irresponsabile e fallimentare attività amministrativa sono sotto gli occhi di tutti, un paese praticamente ridotto allo stremo”, conclude Chiariello.