Mugnano, il primo bene confiscato alla criminalità diventa patrimonio comunale

Mugnano, il primo bene confiscato alla criminalità diventa patrimonio comunale

Il Sindaco Sarnataro: “Giornata storica per il nostro Comune, lotta contro la camorra deve essere quotidiana”


MUGNANO – L’Amministrazione Sarnataro acquisisce al patrimonio comunale il primo bene confiscato alla criminalità organizzata di Mugnano. L’importante provvedimento è stato approvato ieri sera all’unanimità dal Consiglio comunale. “Si tratta – spiega l’assessore alle politiche sociali Valentina Canditone – di un appartamento di 5 vani ed un box ubicati in via Crispi. La nostra intenzione è quella di utilizzarlo per integrare le attività previste dal piano sociale di zona, creando un ambiente protetto dove le assistenti sociali possano accogliere in tutta serenità quei cittadini che vivono un momento di difficoltà.

Allo stesso modo potremo dislocare lì anche lo sportello antiviolenza gratuito, che abbiamo aperto al Comune, così che le vittime di maltrattamenti possano sentirsi al riparo da occhi indiscreti”.

Entusiasta il sindaco Luigi Sarnataro: “E’ una giornata storica per Mugnano: per la prima volta il Comune gestirà un bene confiscato alla camorra. La nostra battaglia contro l’illegalità e la violenza della criminalità organizzata è quotidiana, proprio per questo abbiamo voluto immediatamente acquisire questo bene e restituirlo al territorio”.