Ancora bufera al San Giovanni Bosco: crolla il tetto della sala parto

Ancora bufera al San Giovanni Bosco: crolla il tetto della sala parto

Intanto da delle dichiarazioni è possibile notare che si ritiene inadeguata la gestione della direzione strategica e si chiedono le dimissioni di tutti i vertici ospedalieri inerenti a questo presidio


NAPOLI – I pannelli della controsoffittatura dell’Ospedale San Giovanni Bosco hanno ceduto causando il crollo in sala parto.  L’evento non sembra affatto inatteso dal momento che, i locali del quinto piano del presidio di Ponticelli, erano già stati interdetti e non erano utilizzati dai medici del reparto Ginecologia, costringendo il personale ad operare nelle sale al piano terra del presidio. La decisione è stata presa in quanto anche la seconda sala parto, quella al quinto piano, è stata segnalata come inadeguata alle norme di sicurezza e quindi chiusa.

Luigi Paganelli della Cgil Rsu aziendale dichiara: “Abbiamo inviato numerose segnalazioni sulla necessità di fare almeno dei percorsi verticali con un’ ascensore dedicato esclusivamente al reparto così da ridimensionare i disagi per pazienti e lavoratori ci sarebbe la possibilità di utilizzare i fondi per l’edilizia sanitaria e anche questa opportunità non è stata sfruttata, per questo riteniamo inadeguata la gestione della direzione strategica e chiediamo le dimissioni di tutti i vertici ospedalieri inerenti a questo presidio”.

Non finiscono qui i gravissimi problemi dell’Ospedale San Giovanni Bosco, la Tac di ultima generazione di cui l’ospedale è munito è guasta dal 26 dicembre.

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra Fanpage

FOTO DI REPERTORIO