Furgone con targa estera fermato: oltre 23.000 articoli sequestrati

Furgone con targa estera fermato: oltre 23.000 articoli sequestrati

La Guardia di Finanza di Napoli ha effettuato un sequestro di oltre 23.000 articoli provento di furto.


finanza

SAN GIUSEPPE VESUVIANO – Nel quadro dell’intensificazione delle attività di prevenzione Generale e di controllo economico del territorio, i finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno effettuato un sequestro di oltre 23.000 articoli provento di furto.

In particolare, le Fiamme Gialle della Compagnia di Ottaviano, nel corso di un controllo economico del territorio in San Giuseppe Vesuviano (NA), hanno fermato un furgone con targa bulgara nel quale erano presenti numerosi cartoni contenenti svariati articoli, fra cui oltre 1.500 capi d’abbigliamento.

Dai primi accertamenti gli articoli trasportati risultavano rubati come denunciato nel mese di settembre
dello scorso anno.

Veniva eseguita una perquisizione al locale nella disponibilità del predetto responsabile, ubicato nel pieno centro della citata cittadina vesuviana, ove veniva scoperto un vero e proprio negozio “parallelo”.

All’interno del locale commerciale, completamente sconosciuto al fisco, erano presenti migliaia di capi di abbigliamento: scarpe, borse, ombrelli e accessori, e prodotti per la cosmesi e di erboristeria di noti marchi nazionali ed internazionali, alcuni dei quali con il dispositivo antitaccheggio ancora fissato.

Al termine del servizio, venivano complessivamente sottoposti a sequestro oltre 23.000 articoli, un furgone ed il locale utilizzato quale rivendita al dettaglio dei capi ricettati.
Il responsabile, un cittadino italiano incensurato, veniva denunciato alla procura della repubblica di Nola per violazione dell’art. 648 del codice penale.

L’attività di servizio testimonia il costante presidio esercitato dalla Guardia di Finanza sul territorio a salvaguardia delle leggi ed a tutela degli operatori economici onesti.

Resta aggiornato con le notizie de ilmeridianonews.it, seguici su FACEBOOK, clicca QUI