Agente si finge portapizze e scopre cartucce, droga e microcamera in casa: un arresto

Agente si finge portapizze e scopre cartucce, droga e microcamera in casa: un arresto

L’irruzione dei poliziotti dopo un accurata indagine. Il 53enne è finito in carcere


NAPOLI – Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Secondigliano hanno arrestato Rosario Rendina, 53enne originario di Campobasso, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Nella serata di ieri, i poliziotti, in seguito ad accurate indagini, con uno stratagemma hanno fatto irruzione nell’appartamento dell’uomo in Via Comunale Selva Cafaro. Uno degli agenti, fingendosi portapizze è riuscito a entrare in casa dell’uomo.  Dal controllo effettuato all’intera abitazione, gli agenti, hanno rinvenuto e sequestrato poco meno di 30 grammi di cocaina, materiale per il confezionamento della sostanza stupefacente, un bilancino di precisione, la somma di euro 680,00, una microcamera utilizzata quale sistema di sorveglianza posta sul pianerottolo dell’abitazione e il TV/monitor a essa collegata.

Il controllo è stato esteso anche alle aree condominiali e liberamente accessibili dello stabile, i poliziotti, hanno rinvenuto nel sottoscala del piano rialzato, quattordici cartucce per pistola calibro 38 Special, sottoposte a sequestro a carico d’ignoti.

L’uomo è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Poggioreale.

 

Resta aggiornato con le notizie de ilmeridianonews.it, seguici su FACEBOOK, clicca QUI