Si toglie la vita in carcere dopo essersi lanciato in auto contro il santuario

Si toglie la vita in carcere dopo essersi lanciato in auto contro il santuario

Si tratta del 22enne Othman Jridi, algerino, noto alle cronache nazionali perché protagonista di un episodio singolare: tentò di colpire con un’auto, lanciandosi contro, il santuario di Pompei


AVERSA – Lo scorso anno si era lanciato con un’auto contro il santuario di Pompei, poi s’è impiccato mentre era detenuto nel carcere di Aversa, dopo averci già provato in precedenza. Il giovane nordafricano è stato soccorso dagli agenti della polizia penitenziaria e trasportato d’urgenza presso il pronto soccorso del locale ospedale San Giuseppe Moscati, ma è morto dopo circa un paio d’ore.

Si tratta del 22enne algerino Othman Jridi, algerino, già noto alle cronache nazionali perché protagonista di un episodio singolare: tentò infatti di colpire con un’auto, lanciandosi contro, il santuario di Pompei, il 28 marzo 2018.

L’uomo era stato trasportato d’urgenza in ospedale in un estremo tentativo di salvataggio ma lì, dopo il secondo tentativo di suicidio, è morto al Moscati dopo poche ore dal ricovero.

Resta aggiornato con le notizie de ilmeridianonews.it, seguici su FACEBOOK, clicca QUI

LEGGI ANCHE:

Tenta di suicidarsi in due modi, salvato in extremis: “volevo avvicinarmi ad Allah”