#Ammazzacaffé – Appuntamento col Cinema:il Nuovo Realismo degli Scugnizzi del Meridione

#Ammazzacaffé – Appuntamento col Cinema:il Nuovo Realismo degli Scugnizzi del Meridione

Pellicole dedicate a ragazzi di Mafia e Camorra che non riescono a rendere la propria vita migliore


scugnizzi

All’inizio degli anni ‘90 alcuni registi, per mezzo di qualche intreccio dal sapore molto reale, hanno inaugurato un filone che è stato definito “Nuovo Realismo”.

Per la precisione trattasi, in “Mary per sempre” e in “Ragazzi fuori” di Marco Risi o in “Scugnizzi” di Nanny Loy, di trame in cui il senso del vissuto amaro dei protagonisti dà idea dello smarrimento che non riesce a produrre altro, nelle sensazioni del pubblico, che l’idea di morsa da cui è impossibile venire fuori.

Nella fattispecie si tratta di pellicole dedicate a ragazzi di Mafia e Camorra che non riescono a rendere la propria vita migliore. Un vero pugno nello stomaco, insomma, per lo spettatore che resta inerme e consapevole che finire in certi meccanismi rende impossibile la via d’uscita.