Attesa per Papa Francesco domani a Napoli: la lettera del sindaco De Magistris

Attesa per Papa Francesco domani a Napoli: la lettera del sindaco De Magistris

“Il Mediterraneo non deve essere l’olocausto del terzo millennio” scrive il sindaco


NAPOLI – Grande attesa per l’arrivo di Papa Francesco a Napoli, previsto per domani 21 giugno, giorno in cui avverrà un incontro presso la Pontificia Facoltà di Teologia. Il sindaco Luigi De Magistris ha voluto celebrare quest’evento attraverso una lettera da lui stesso scritta e inviata al sommo pontefice nei giorni scorsi.

«Carissimo Santo Padre, carissimo Francesco, è con gioia immensa che la città di Napoli sarà nuovamente onorata della Sua presenza nel nostro territorio». Queste sono le prime parole della missiva, in cui più volte il sindaco ricorda anche la visita ufficiale già fatta nella città partenopea nel 2015 e quella avvenuta nel 2014 a Betlemme, in cui De Magistris era l’unico occidentale presente in quanto detentore della cittadinanza onoraria palestinese.

Nel testo, si fa riferimento anche all’importanza del Mediterraneo, un mare che viene visto come incontro tra popoli e culture differenti. «Napoli, nella sua storia, è città che ha accolto tutte le culture, religioni diverse, tanti popoli. Siamo nel cuore del Mediterraneo. In questi tempi in cui c’è chi pensa di sigillare il mare, di costruire mura, realizzare chilometri di filo spinato, noi pensiamo che il mare debba essere luogo di vita, in cui si possano incontrare i popoli per unirsi nelle loro diversità per salvare il pianeta, il nostro mare non può essere un cimitero», afferma il sindaco di Napoli. «Il Mediterraneo non deve essere l’olocausto del terzo millennio. Per costruire ponti di umanità contro le mura del rancore e del razzismo, si devono abbattere mura e filo spinato che tante persone hanno nel cuore e nella mente».

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK