Lo legano ad un albero e lo torturano: identificati i tre aggressori

Lo legano ad un albero e lo torturano: identificati i tre aggressori

I fratelli sono ora accusati di lesioni personali e sequestro di persona


CASAPESENA – Pomeriggio di terrore nell’Agro Aversano: 30enne rapito e torturato da tre fratelli per un profilo falso. Abbandonato in fin di vita è ora in ospedale. Identificati e denunciati i tre aggressori.

Nel tardo pomeriggio di mercoledì, a Casapesenna ha avuto luogo una terribile aggressione messa in atto da tre fratelli ai danni di un ragazzo 30enne. Uno dei tre aggressori ha attirato con una trappola il 30enne invitandolo a bere un caffè in un bar di Casapesena. Arrivato nel luogo dell’incontro, i tre l’hanno costretto ad entrare in macchina dove gli hanno legato una fune intorno al collo e minacciato di morte. Giunti in una zona isolata, i tre hanno fatto scendere dalla macchina la vittima e l’hanno colpito più volte al volto facendogli perdere i sensi.

Stando alla ricostruzione effettuata dagli agenti, i tre fratelli l’hanno caricato in macchina e hanno raggiunto le zone dei Regi Laghi per scaricarlo in quanto pensavano che il ragazzo fosse morto. Il 30enne, però, ha ripreso i sensi ed gli aguzzini l’hanno condotto nelle zone di Villa Literno. Qui, dopo averlo nuovamente picchiato, i tre aggressori lo hanno legato con dello scotch al tronco di un albero. Successivamente hanno abbandonato la vittima nelle campagne vicine. Ripresa conoscenza, ha camminato per un breve tratto e giunto nei pressi di un’azienda della zona dove ha bussato il citofono per chiedere soccorso. L’uomo si trova ora presso l’ospedale di Aversa in prognosi riservata.

Come riportato dalla giornalista casertana Marilena Natale, il motivo dell’aggressione, sarebbe la creazione di un profilo falso Instagram. Il 30enne ha però raccontato agli inquirenti di non aver creato l’account fake. Le indagini partite dopo la confessione del ragazzo, hanno portato all’identificazione degli aggressori che sono stati denunciati per lesione personali e sequestro di persona.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK