Marco Carta arrestato per furto, giudice annulla provvedimento: “è estraneo ai fatti”

Marco Carta arrestato per furto, giudice annulla provvedimento: “è estraneo ai fatti”

“Non sono stato io a rubare, per fortuna è andato tutto bene, sono felice di poterlo dire”. Così il cantante ha commentato la vicenda


MILANO – Marco Carta è stato fermato venerdì sera per furto aggravato alla Rinascente di piazza Duomo a Milano, ma dal processo per direttissima è emersa un’altra verità. Il giudice, infatti, non ha convalidato l’arresto, giudicando il cantante estraneo. I fatti sarebbero attribuibili ad altri soggetti. Un grande equivoco, dunque, che ha fatto passare a Carta, che era stato accusato di aver tentato di rubare magliette per 1.200 euro, una brutta esperienza.

“E’ stata chiarita la totale estraneità di Marco Carta. Il giudice non ha convalidato l’arresto e non ha applicato nessuna misura cautelare”, ha spiegato il suo avvocato Simone Giordano al termine dell’udienza in tribunale a Milano. “Il fatto – ha aggiunto – è attribuibile ad altri soggetti, lui è totalmente estraneo, è stato acclarato dal giudice. Marco è una bravissima persona”, ha detto. Il cantante era stato fermato dalla polizia insieme a una donna di 53 anni, per la quale invece l’arresto sarebbe stato convalidato.

Il fatto era avvenuto venerdì sera e Carta era stato messo ai domiciliari, così come la donna che era con lui. Il cantante vincitore di “Amici” e del festival di Sanremo era stato accusato di aver tentato di rubare sei magliette per un valore di 1.200 euro (alle quali era stato tolto l’antitaccheggio ma non la placchetta flessibile che ha suonato all’uscita del negozio). Il processo per direttissima svoltosi sabato, però, lo ha scagionato.

MARCO CARTA: “NON SONO STATO IO, FELICE DI POTERLO DIRE” – “Non sono stato io a rubare, per fortuna è andato tutto bene, sono felice di poterlo dire”. Così il cantante ha commentato la vicenda con i giornalisti in tribunale a Milano. “Le magliette – ha aggiunto – non ce le ho io, l’hanno visto tutti. Ora sono un po’ scosso”, ha confessato Carta ai cronisti. “Chi li ha rubate? Non mi va di dirlo”, ha chiosato.

FONTE: TGCOM24.IT

Resta aggiornato con le notizie de ilmeridianonews.it, seguici su FACEBOOK, clicca QUI