Napoli attacco a Sarri, Insigne: “Se va alla Juve è un tradimento”. Zielinsky: “Se mi chiama non rispondo”

Napoli attacco a Sarri, Insigne: “Se va alla Juve è un tradimento”. Zielinsky: “Se mi chiama non rispondo”

“Comunque, se diventerà l’allenatore della Juve mi divertirò a batterlo”, dichiara il centrocampista polacco


NAPOLI – Sarri alla Juve, ci siamo. Un attacco, neanche troppo velato al mister, attualmente ancora del Chelsea, arriva da due suoi ex giocatori del Napoli, il capitano azzurro Lorenzo Insigne e il centrocampista, suo pupillo dai tempi dell’Empoli, Piotr Zielinsky

“Sì, Sarri alla Juve per noi napoletani sarebbe sicuramente un tradimento, e io spero ancora che cambi idea”. Lorenzo Insigne sorride, parla con dolcezza del suo vecchio mister, ma allo stesso tempo non è tipo da nascondere certi sentimenti “che sono anche quelli del popolo napoletano – continua -. Bisogna però prendere atto che il mister è un professionista e a Napoli ha dato tutto se stesso. È stato importantissimo anche per me, sotto molti punti di vista. Insomma, sicuramente ci farebbe male la scelta juventina, non posso però dire nulla, è una decisione solo sua. E ripeto, da noi ha dato il massimo, sempre. La vittoria in Europa League con il Chelsea? Ne sono stato felicissimo, a fine gara mi sono messaggiato con lui e Jorginho, sono stati grandi”.

Il centrocampista del Napoli e della nazionale polacca, Piotr Zielinski, protagonista di un’intervista ai microfoni del quotidiano locale sportowefakty.pl:“La stagione con il Napoli? Sono contento di come sia andata quest’anno, il rapporto con Ancelotti mi ha dato molto. Probabilmente sono diventato un calciatore più duttile ed universale. Devo molto al mister, quest’anno mi ha cambiato spesso posizione in campo. Ho giocato tanto ed ho dovuto presentare un livello di forma fisico molto alto. Sono fiducioso per la prossima stagione. Sono contento di come sia andata la stagione, ma so che posso fare ancora meglio. Ho colpito tre pali e guarda caso, in porta c’erano tre portieri polacchi”.

Zielinski ha aggiunto: “Sulla differenza di rapporto con Sarri ed Ancelotti? Non ho giocato di più grazie ad Ancelotti, anche con Sarri giocavo tanto. Ancelotti mi ha chiesto un lavoro di copertura diverso, vuole che copra molti più metri di campo. Se seguirei Sarri alla Juventus? Se e quando Sarri firmerà con la Juventus potrà anche chiamarmi, ma non gli risponderò. Anche quando ci allenava a Napoli non gli rispondevo (scherza ndr.), poi mi mandava dei messaggi in cui si arrabbiava. Comunque, se diventerà l’allenatore della Juve mi divertirò a batterlo”.