Napoli, cadono ancora calcinacci: dopo la tragedia, ferita un’altra ragazza

Napoli, cadono ancora calcinacci: dopo la tragedia, ferita un’altra ragazza

La situazione sta degenerando e non si riesce ad arginare il fenomeno


calcinacci

NAPOLI – “Dopo la morte di un commerciante in via Duomo due nuovi episodi di caduta di calcinacci dai palazzi si sono verificati a Napoli. Uno dalla chiesa di San Pasquale, nell’omonima piazza, l’altro da uno stabile in vico Mattonelle, provocando tra l’altro il ferimento di una giovane, trovatasi sfortunatamente a passare di lì al momento del distacco.

Il susseguirsi di casi legati al deperimento delle parti esterne degli stabili rappresenta un monito circa la situazione di degrado che affligge una consistente percentuale dell’edilizia privata a Napoli e in molti altri centri della regione”. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Il ricorso alle reti contenitive – prosegue Borrelli – non è assolutamente una soluzione del problema. In molti casi non servono a niente, rappresentano solo un palliativo estemporaneo. Dinanzi al distacco di pezzi più pesanti finiscono per staccarsi, permettendo ai detriti di rovinare al suolo. Ci stiamo facendo promotori dei nuovi progetti di rigenerazione urbana promossi dalla Regione Campania che, a nostro avviso, rappresentano una priorità per restituire sicurezza alle città”.

COMUNICATO STAMPA

IL VIDEO

Caduta calcinacci, due nuovi episodi a #Napoli: giovane resta ferita. #Verdi: “I progetti di rigenerazione urbana rappresentano priorità per restituire sicurezza alle città. Il ricorso alle reti contenitive non è una soluzione del problema, in molti casi non servono a niente”“Dopo la morte di un commerciante in via Duomo due nuovi episodi di caduta di calcinacci dai palazzi si sono verificati a Napoli. Uno dalla chiesa di San Pasquale, nell’omonima piazza, l’altro da uno stabile in vico Mattonelle, provocando tra l’altro il ferimento di una giovane, trovatasi sfortunatamente a passare di lì al momento del distacco. Il susseguirsi di casi legati al deperimento delle parti esterne degli stabili rappresenta un monito circa la situazione di degrado che affligge una consistente percentuale dell’edilizia privata a Napoli e in molti altri centri della regione”. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Il ricorso alle reti contenitive – prosegue Borrelli – non è assolutamente una soluzione del problema. In molti casi non servono a niente, rappresentano solo un palliativo estemporaneo. Dinanzi al distacco di pezzi più pesanti finiscono per staccarsi, permettendo ai detriti di rovinare al suolo. Ci stiamo facendo promotori dei nuovi progetti di rigenerazione urbana promossi dalla Regione Campania che, a nostro avviso, rappresentano una priorità per restituire sicurezza alle città”.

Geplaatst door Francesco Emilio Borrelli op Dinsdag 11 juni 2019

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage