Ruba riviste alla stazione: sorpreso ed arrestato dagli agenti

Ruba riviste alla stazione: sorpreso ed arrestato dagli agenti

Complessivamente, questa settimana, la pPolfer ha effettuato duemila identificazioni, un arresto e messo sette persone sotto indagine. Tutti i dettagli


CAMPANIA – Duemila identificati, un arrestato  e sette indagati nella settimana che volge al termine,  a seguito dei controlli effettuati dagli agenti della Polizia Ferroviaria nelle principali stazioni della Campania. A Napoli Centrale le pattuglie della Polizia Ferroviaria, presenti ai varchi nel corso di un  dispositivo di sicurezza, hanno fermato un trentacinquenne pluripregiudicato a carico del quale gravava un’ordinanza di detenzione domiciliare emessa dal tribunale di sorveglianza di Salerno che è stata eseguita al termine degli adempimenti di rito.

Sette gli indagati: tre  per reati che vanno dalla  minaccia alla resistenza all’oltraggio a PP.UU. ed al rifiuto di indicazioni sull’identità personale. Un napoletano è stato acciuffato dopo aver rubato delle riviste in un esercizio commerciale della stazione di Napoli Centrale; un  venditore abusivo è stato indagato per il tentativo di corruzione in quanto per sottrarsi alla sanzione amministrativa ed al sequestro della sua mercanzia ha offerto dei soldi ai poliziotti che lo avevano fermato; un altro pregiudicato è stato denunciato per tentata truffa perché sorpreso ad offrire in vendita delle stecche di sigarette, all’interno delle quali c’erano in realtà polistirolo e chiodi in metallo ed infine un napoletano anch’egli pluripregiudicato, è stato denunciato per esercizio abusivo di gioco o di scommesse, dopo che una turista aveva denunciato di essere stata costretta dall’uomo a puntare 50 euro al gioco “delle campanelle” in piazza Garibaldi a Napoli.

Tredici venditori abusivi sorpresi ad infastidire i viaggiatori sono stati contravvenzionati e gli è stato inflitto l’ordine di allontanamento dalla stazione di Napoli.

Resta aggiornato con le notizie de ilmeridianonews.it, seguici su FACEBOOK, clicca QUI