Sea Watch attracca nel porto di Lampedusa: arrestata la capitana

Sea Watch attracca nel porto di Lampedusa: arrestata la capitana

I 40 migranti a bordo della Sea Watch sono sbarcati all’alba dopo 17 giorni in mare


LAMPEDUSA – Arrestata questa notte la capitana tedesca Carola Rackete, alla guida della Sea Watch che dopo 17 giorni in mare è attraccata nel porto di Lampedusa. Intorno all’1:50, la capitana è entrata nel molo della città senza autorizzazione preventiva, basandosi sullo stato di necessità.

In seguito a questa mossa che più volte aveva annunciato di fare, sono entrati in azione i finanzieri che, saliti a bordo dell’imbarcazione, hanno arrestato Carola Rackete per violazione dell’articolo 1100 del codice della navigazione, con l’accusa di “resistenza o violenza contro nave da guerra”, reato che potrebbe costarle dai tre ai dieci anni di carcere. Gli uomini della finanza sottolineano anche il tentato naufragio della motovedetta su cui si trovavano durante la manovra di attracco per ostacolare l’ingresso della Sea Watch. La nave, però, ha proseguito nella manovra di accostamento rischiando di schiacciare l’imbarcazione con a bordo i finanzieri. Su questo punto sarà il magistrato a emettere sentenza.

All’alba è arrivata l’autorizzazione a far scendere i 40 migranti a terra, che sono stati portati nel Centro di contrada Imbriacola.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK