Rapinano Posta e picchiano le impiegate: arrestati due di Giugliano

Rapinano Posta e picchiano le impiegate: arrestati due di Giugliano

Riuscirono a portare via 22.500,00 dopo aver chiuso e legato in un sgabuzzino le impiegate ed il direttore


GIUGLIANO – Alle prime ore dell’alba i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Teramo, nella Provincia di Napoli e Cosenza hanno dato esecuzione ad una misura cautelare restrittiva in carcere, nei confronti di due indagati di Giugliano, provincia di Napoli, ritenuti responsabili della violenta rapina del 10 novembre 2018, in Colonnella (TE), ai danni del locale Ufficio Postale.

I DETTAGLI DELL’OPERAZIONE

Il 10 novembre 2018, alle ore 08.00 circa, in Colonnella (TE), due soggetti si rendevano autori di una rapina ai danni del locale Ufficio Postale. I rapinatori, dall’accento campano e con il volto parzialmente travisato, giunti sul luogo in orario di apertura, in concomitanza con l’arrivo del direttore e delle due dipendenti di quell’ufficio, dopo averli brutalmente affrontati, percossi e minacciati simulando il possesso di un’arma, li costringevano ad entrare all’interno.

Successivamente, intimavano al direttore di aprire la cassaforte dalla quale asportavano la somma di euro 22.500,00 e, dopo aver immobilizzato con del nastro adesivo le impiegate ed il direttore, rinchiuse all’interno di uno sgabuzzino, si allontanavano velocemente a bordo di una Fiat Innocenti, poi risultata oggetto di furto perpetrato in Monteprandone (AP) alle precedenti ore 01:00 circa.

Dall’esito delle accurate attività investigative si riusciva ad identificare i due autori materiali della violenta rapina, due soggetti pluripregiudicati originari e residenti nella Provincia di Napoli:

  • C. S. nato a Napoli classe 1979, res. in Giugliano in Campania (NA), in atto sottoposto obbligo di dimora stesso Comune;
  • C.V. nato a Napoli classe 1973, res. in Giugliano in Campania (NA) in atto sottoposto ad una misura alternativa alla detenzione ed affidato ad una comunità terapeutica nel Comune di Torano Castello (CS);

Concordando con gli esiti investigativi, il Pubblico Ministero richiedeva al GIP del locale Tribunale, Dott. Roberto Veneziano, una misura cautelare in carcere, emessa in data 4 luglio u.s.. A piede libero sono stati denunciati altri due pregiudicati, domiciliati nella limitrofa Provincia di Ascoli Piceno.