Nas in azione nel napoletano: sequestri di alimenti per oltre 100 kg, sanzioni e chiusure di locali

Nas in azione nel napoletano: sequestri di alimenti per oltre 100 kg, sanzioni e chiusure di locali

Gli interventi in diverse città della provincia di Napoli


nas

REGIONALE – Riepilogo delle ispezioni effettuate dai Carabinieri del NAS di Napoli nei settori “alimenti” e “sanità” finalizzate a rendere tranquilla l’estate 2019:

in Casamarciano, i Carabinieri del NAS di Napoli hanno condotto un’accurata ispezione igienico sanitaria ad una struttura sanitaria, che si occupa dell’assistenza a persone affette da patologie psichiatriche, procedendo al sequestro di farmaci scaduti di validità e contestando varie condotte irregolari, tra cui la non perfetta tenuta dei registri inerenti allo smaltimento di rifiuti speciali, nonché la mancanza/irregolarità della documentazione prodotta;

in Sorrento alla via Donnorso i Carabinieri del NAS hanno operato una verifica presso un ristorante-pizzeria a conclusione della quale hanno proceduto alla chiusura di 2 aree pubbliche adibite a sala somministrazione all’aperto, poiche’ abusivamente attivate sulla pubblica via in assenza della prevista S.C.I.A.. Nella circostanza gli operanti hanno sequestrato amministrativamente kg. 20 circa di alimenti vari detenuti, riguardo ai quali e’ risultata violata la normativa in materia di tracciabilità/rintracciabilità alimentare;

in Anacapri in piazza Vittoria, presso un bar ivi operante, i militari del NAS di Napoli procedevano al sequestro amministrativo di 7 kg circa di prodotti da forno rinvenuti all’interno di un frigorifero e pronti per la successiva somministrazione al pubblico, privi di indicazioni atte a garantirne la loro rintracciabilita’;

in Castellammare di Stabia, al corso Garibaldi presso un bar ivi ubicato, i Carabinieri del NAS di Napoli, a conclusione di una verifica igienico-sanitaria, procedevano a:

1. sequestro amministrativo di circa kg 80 di derrate alimentari varie (prodotti da forno), prive di indicazioni relative alla rintracciabilità;

2. chiusura amministrativa di un locale interrato di circa mq 25 adibito a deposito alimenti abusivamente attivato e privo dei requisiti igienico sanitari e strutturali previsti.