“Portatemi al Loreto Mare o vi sparo, guido io l’ambulanza!”, detenuto minaccia il 118

“Portatemi al Loreto Mare o vi sparo, guido io l’ambulanza!”, detenuto minaccia il 118

L’uomo diceva di essere stato investito


loreto mare

NAPOLI – Una situazione surreale, quella in cui si è trovato il personale del 118 che, nella periferia est di Napoli, è stato minacciato da un detenuto agli arresti domiciliari che voleva andare al Loreto Mare a seguito di un presunto investimento stradale. “L’ambulanza la guido io!” avrebbe gridato, dando in escandescenze, “Portatemi al Loreto Mare altrimenti vi sparo!”. A denunciarlo l’associazione Nessuno tocchi Ippocrate attraverso la sua pagina Facebook.

L’uomo, residente a San Giovanni a Teduccio, non era affatto stato investito, non riportava alcun segno e trovandosi in regime di restrizione della libertà non avrebbe potuto essere in strada. La sua intenzione era quella di raggiungere il nosocomio napoletano per una visita dermatologica che gli era stata prescritta dal medico di famiglia. Nessun incidente, quindi, e nessuna pistola: l’uomo è salito a bordo del mezzo ed ha cominciato ad urlare, ma non era armato.

Il personale del 118 è riuscito a mantenere la lucidità e, dopo aver assecondato le richieste del detenuto, ha allertato le forze dell’ordine che si sono fatte trovare pronte ad accogliere l’uomo in ospedale: denunciato, finirà in carcere.

TORNA ALLA HOME PAGE PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE E SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK