Smaltimento illegale di amianto e di rifiuti: nei guai in 4 e sanzioni per 10mila euro

Smaltimento illegale di amianto e di rifiuti: nei guai in 4 e sanzioni per 10mila euro

Sono ancora in corso le indagini da parte degli agenti della Polizia


smaltimento

FRATTAMAGGIORE – Smaltimento illecito rifiuti, sospetto su “formulari” da cantiere e prevenzione “morti bianche”. Nei guai tre persone denunciate  dagli agenti della polizia locale diretta dal comandante Chiariello e sequestrata area.

Nella metà di agosto, sembra tutto tranquillo in città quasi vuota. È proprio lì che bisogna operare e individuare il “furbetto”, quello che resta in città trasgredendo le regole credendo di essere impunito. Dall’altro lato però, gli uomini della polizia locale frattese guidati dal Maggiore Biagio Chiariello che hanno monitorato soprattutto le condotte di abbandono rifiuti, soprattutto quelle di inerti da cantiere.

La pattuglia ha notato infatti in una strada principale degli operai che ristrutturavano un palazzo facendo cadere calcinacci. Identificati gli operai, dall’ispezione dell’area sono emersi sospetti sulle quantità di rifiuti rinvenuti non corrispondevano alle lavorazioni effettuate. Dove erano finiti?

La professionalità e preparazione degli agenti, guidati dal comandante presente ai controlli, ha portato a verificare il registro rifiuti, risultato irregolare. Sequestro e denunce per quattro persone per reati diversi, tra cui quelli ambientali, oltre a quella del codice penale per aver messo in pericolo i passanti senza utilizzare l’accortezza nelle tutele per caduta calcinacci da lavorazione.

Le sanzioni amministrative ammontano a circa 10mila euro. I controlli proseguono per la tutela ambientale da parte dei caschi bianchi con risultati noti, sequestrati due fondi per smaltimento illegale di amianto e interramento rifiuti alla via Rossini, sequestrati tre apecar per trasporto illegale rifiuti alla via Siepe Nuova, sequestro di due officine meccaniche, bonifica siti incolti con sanzioni per circa quindici persone.

La tutela dell’ambiente è una nostra priorità, fa sapere dalla sede del comando il Maggiore Biagio Chiariello impegnato anche in altri quattro comuni per il coordinamento delle attività di contrasto ai crimini ambientali.
Presto avremo l’identità di altri responsabili di condotte vietate.

FOTO DI REPERTORIO

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage