In ospedale per essere operata di tumore: 20enne dimessa per mancanza di camici

In ospedale per essere operata di tumore: 20enne dimessa per mancanza di camici

Protagonista dell’assurda vicenda una ragazza 20enne di Mugnano. “Non possiamo operare. Non abbiamo camici”, questa la risposta dei medici dopo circa 6 ore di attesa al nosocomio napoletano


MUGNANO –  Negli ultimi anni, in Italia, i casi di malasanità sono aumentati. Non solo per colpa del personale sanitario, ma anche per la disorganizzazione degli ospedali.

Come testimonia la storia di Francesca M., 20 anni, di Mugnano, protagonista di un’assurda vicenda verificatasi questa mattina all’ospedale Policlinico II di Napoli cha ha voluto raccontare alla nostra redazione

LA STORIA

La giovane è giunta al nosocomio, dopo un anno in lista d’attesa, per subire un’operazione alla mano a causa di un tumore glomico, ovvero di un un tumore benigno che colpisce il glomo, una struttura vascolare che mette in comunicazione un’arteria con una vena nel tessuto connettivo del derma. In genere, si sviluppa all’estremità di un dito o, talvolta, sotto un’unghia, come nel caso di Francesca.

Francesca racconta di essere arrivata in ospedale intorno le ore 7,30 ed alle 8.15 entra in reparto per prepararsi all’intervento. Dopo circa un’ora, senza essere stata assistita dal personale medico, chiede informazioni. Nessuno sembra sapere nulla.

Passa un’altra ora e Francesca, insieme ai familiari che l’accompagnano, chiede di nuovo dei chiarimenti a medici, infermieri e dipendenti della struttura, ma nulla. Non arriva nessuna risposta.

Dopo circa tre ore d’attesa finalmente arriva un dottore. Francesca crede che sia arrivato il momento tanto atteso per poter risolvere finalmente il suo problema di salute ma la risposta sorprende la giovane ed i parenti: “Non è possibile sottoporre la paziente all’intervento. Non abbiamo camici  da poter utilizzare in sala operatoria.

Probabilmente il disagio è stato causato dalla questione American Laundry, azienda che si occupa del servizio lavanderia del Policlinico di Napoli e di altri ospedali cittadini, i cui dipendenti sono a rischio licenziamento e da tempo protestano contro questa situazione.

“Mi sembra una barzelletta, o forse un incubo. Attendo questa operazione da circa un anno. Sono in lista dal 12 Novembre 2018. Oggi era giorno fissato per l’operazione. E’ possibile che dopo sei ore d’attesa, io debba tornare a casa per mancanza di camici? E’ un’assurdità”, ha dichiarato la giovane alla nostra redazione.

Dall’ospedale hanno riferito che probabilmente l’ intervento chirurgico si effettuerà il prossimo martedì, semmai dovessero arrivare i camici in struttura ospedaliera.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK