Processo al clan: richiesto aumento di pena per la figlia di Cicciotto ‘e Mezzanotte

Processo al clan: richiesto aumento di pena per la figlia di Cicciotto ‘e Mezzanotte

In primo grado il giudice aveva inflitto 6 anni per Katia Bidognetti; 3 anni e 4 mesi per Teresa Bidognatti


Cicciotto e mezza nott

CASAL DI PRINCIPE – Richiesta di aumento della pena per Katia Bidognetti, figlia del boss Francesco Bidognetti, detto Cicciotto ‘e Mezzanotte, detenuto al 41 bis.

La donna, insieme alla sorella Teresa Bidognetti, secondo quanto emerso dalle indagini della Dda, si occupava della distribuzione degli stipendi, assistenza legale e economica per i familiari dei carcerati. Le indagini sono state supportate dalle dichiarazioni di collaboratori di giustizia e intercettazione. Nel Luglio 2018, il Tribunale di Napoli Nord ha emesso la sentenza di condanna e ad Aprile di quest’anno è iniziato il processo a Napoli, in corte d’Appello.

In primo grado il giudice aveva inflitto 6 anni per Katia Bidognetti; 3 anni e 4 mesi per Teresa Bidognatti. Il procuratore generale ha richiesto, durante la sua requisitoria dinnanzi ai giudici della Corte, pene più severe per Katia Bidognetti, mentre per la sorella Teresa, resta uguale alla condanna in primo grado.

Resta aggiornato con le notizie de ilmeridianonews.it, seguici su FACEBOOK, clicca QUI