Sanguinante e piena di lividi, lui nudo e ubriaco: così è stato arrestato l’orco di Giugliano

Sanguinante e piena di lividi, lui nudo e ubriaco: così è stato arrestato l’orco di Giugliano

Fortunatamente la malcapitata è riuscita ad inviare un messaggio alla sorella che ha allertato i Carabinieri


GIUGLIANO – Ha veramente dell’assurdo, dell’impensabile, la notizia della giovane donna di Giugliano che è stata sequestrata, picchiata e stuprata dall’ex compagno.

L’uomo, coetaneo della donna ed anch’egli di Giugliano, dopo la separazione aveva iniziato e perseguitarla ed a picchiarla per diversi mesi fino a quando il Tribunale gli ha vietato di avvicinarsi alla giovane. Solo così la vita della 28enne era ritornata alla normalità, accolta in una casa famiglia circondata da persone che l’aiutavano.

Tutto ciò però, all’orco non stava bene e così ha iniziato a perseguitarla di nuovo, superando ogni limite. L’altro giorno infatti, l’uomo l’ha seguita fino a Fuorigrotta e qui l’ha costretta a salire in auto. Un viaggio di 12 ore senza meta tra le vie del capoluogo campano, in “compagnia” di schiaffi, pugni ed offese varie. Il pestaggio è stato veramente brutale, degno delle peggiori scene dei film. Talmente forti erano le botte che il sangue della donna è stato ritrovato sparso sui sediolini e sulla carrozzeria della vettura. Tutto ciò, sotto gli occhi terrorizzati della figlia di soli due anni. Non finisce qui però.

Dopo un’intera giornata di violenze, il 28enne ha portato l’ex a casa propria. L’ha segregata in camera e ubriaco l’ha costretta a consumare un rapporto sessuale.

In uno dei rari momenti di distrazione del suo aguzzino, fortunatamente la donna è riuscita a prendere tra le mani un telefono e grazie ad un messaggio whats’app, è riuscita ad avvisare la sorella. Il contenuto del messaggio, inoltrato ai carabinieri, ha consentito ai militari della stazione di Varcaturo di individuare e raggiungere in tempi strettissimi l’abitazione dove la 28enne era stata reclusa.

Sul posto i carabinieri hanno trovato la donna ricoperta di lividi ed ecchimosi, sanguinante e spaventata.
L’uomo era invece steso sul letto, completamente nudo e ubriaco. E’ stato arrestato e dopo le formalità di rito tradotto al carcere di Poggioreale. Dovrà rispondere di violenza sessuale, sequestro di persona e stalking. La donna è stata trasportata al pronto soccorso e la piccola affidata momentaneamente ai nonni materni.

FOTO DI REPERTORIO

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage