E’ già tempo di rivincita per il Napoli. Al San Paolo arriva il Liverpool

E’ già tempo di rivincita per il Napoli. Al San Paolo arriva il Liverpool

La prima giornata di Champions League mette di fronte agli azzurri la squadra di Klopp, campione in carica. Rientrano Manolas, Allan, Insigne e Milik


tempo di rivincita

NAPOLI – E’ già tempo di rivincita per il Napoli. Si riapre la stagione europea ed al San Paolo, gli azzurri affronteranno nella prima giornata di Champions League i campioni d’Europa in carica, il Liverpool. Una partita ricca di fascino, che metterà di fronte agli azzurri un passato assai recente e intriso di delusione.

LIVERPOOL, LA SLIDING DOOR SI RIAPRE

Una ferita ancora aperta e difficile a cicatrizzarsi, ma l’urna di Montecarlo regala al Napoli una ghiotta occasione per riprendersi il maltolto dell’ultima edizione di Champions League. Quel momento topico, il tiro di Milik stampato su Alisson in uscita, negli ultimi istanti di gara è stato il punto di snodo nel quale i destini di Napoli e Liverpool si sono materializzati: Liverpool agli ottavi, Napoli in Europa League. Indubbiamente, come avversario di prima fascia non poteva esserci sorte peggiore, quando si pesca dall’urna la squadra campione d’Europa in carica, ma chissà se la voglia di rivincita sicuramente insita nei partenopei, dopo quell’incontro, possa capovolgere il pronostico, sicuramente dalla parte dei Reds, con i quali il Napoli si giocherà buone probabilità di passare il girone.

QUATTRO PRECEDENTI CON BRYCH

Sarà l’arbitro tedesco Brych a dirigere Napoli v Liverpool; non una novità per la squadra partenopea. Sono tre i precedenti in Champions League degli azzurri sotto la direzione del fischietto tedesco; 2011-2012 (1:4 a Stamford Bridge contro il Chelsea); 2016-2017 contro il Benfica (4:2 per gli azzurri); 2017-2018 (2:4 contro il Manchester City), a cui va aggiunto anche un precedente in Coppa UEFA, stagione 2008-2009 (0:2 a Lisbona, contro il Benfica). L’ultimo precedente con un arbitro tedesco è, comunque, molto recente: Felix Zwayer diresse PSG v Napoli della scorsa edizione della Champions.

QUALE FORMAZIONE CONTRO I REDS?

Difficile capire quale sarà la formazione che Ancelotti vorrà schierare contro i Reds. C’è di sicuro il rientro di Allan, Insigne e Manolas, tenuti a riposo contro la Sampdoria, così come dovrebbe ritornare, seppur in panchina, Arek Milik. Difficile capire anche quale schema possa adottare il mister per arginare il potenziale offensivo della formazione inglese. Continuare con il 4-4-2 proposto contro la Sampdoria che, al netto, di errori individuali, potrebbe garantire più copertura e maggiore equilibrio in mezzo al campo (puntando sugli uomini giusti) oppure uno spregiudicato 4-2-3-1, visto a Firenze e Torino, indubbiamente più offensivo e per questo più esposto agli attacchi ad oltranza di Salah e compagni?

LIVERPOOL IN FORMA SMAGLIANTE

Il Liverpool si presenta a Napoli non soltanto con le mostrine di campioni d’Europa in carica, ma anche con una sicurezza mentale derivante da una leadership in Premier League già acclarata, a punteggio pieno dopo cinque turni e soprattutto ben 5 punti di vantaggio sul Manchester City di Guardiola, il più immediato inseguitore. Le cifre dicono anche di un attacco sfavillante (15 reti in 5 gare) ed una difesa abbastanza solida (4 gol in 5 gare) ma non impenetrabile. Il Liverpool è una squadra meravigliosa quando gioca, ma al tempo stesso è una squadra che lascia inevitabilmente spazio per essere attaccato. La ricerca di quegli spazi e il conseguente attacco nei medesimi deve essere il dogma della squadra partenopea per portare a casa punti che, già da adesso, sarebbero preziosissimi.

L’ALTRA GARA DEL GIRONE

Nell’altra partita del Gruppo E, alla Red Bull Arena si affronteranno i padroni di casa del Salisburgo ed i belgi del Genk. Due squadre che, almeno sulla carta, partono un gradino sotto il Liverpool e lo stesso Napoli. Sarà dunque vitale per una delle due squadre cercare il bottino pieno, per cercare di non uscire fin dalle prime battute dal discorso qualificazione agli ottavi, ma anche dal possibile “recupero” in Europa League. Salisburgo favorito dal pronostico ma occhio alle sorprese.

RESTA AGGIORNATO, TORNA ALLA HOME PAGE E CLICCA SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK