Terrore in metro: accoltella vigilantes al collo, gli sfila la pistola e si spara alla testa

Terrore in metro: accoltella vigilantes al collo, gli sfila la pistola e si spara alla testa

Il giovane aggressore è morto; la guardia è ricoverato in gravi condizioni


ROMA – Ferisce vigilantes con diverse coltellate al collo, gli sfila la pistola e si spara: morto giovane migrante.

La terribile vicenda ha avuto luogo nel tunnel della metro B di Roma Tiburtina, intorno alle 17 di oggi pomeriggio. Una guardia giurata, un 55enne originario di Caserta impiegato della società ferroviaria Urbe, è stato avvicinato da un giovane migrante mentre era in servizio.

Improvvisamente il giovane, senza motivo, ha estratto un coltello e ha colpito ripetutamente il vigilantes al collo. Una volta a terra, l’aggressore gli ha sfilato la pistola dal cinturone e si è sparato un colpo alla testa. Il tutto è avvenuto in presenta dei pendolari che erano in attesa dell’arrivo della metropolitana.

Sul posto sono giunti rapidamente i soccorritori del 118 che hanno trasportato il 55enne casertano in codice rosso al Policlinico Umberto I, dove è ora ricoverato in gravissime condizioni.

Sul posto, oltre il personale medico, anche i militari dell’Esercito, gli agenti della Polizia di Stato e la squadra della Scientifica che hanno iniziato subito le indagini per cercare di fare chiarezza sulla dinamica. Ancora ignote i motivi che avrebbero portato il giovane a commettere il folle gesto. Si attendono aggiornamenti.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK