Ventenne massacrato di botte all’uscita dalla discoteca: è caccia agli aggressori

Ventenne massacrato di botte all’uscita dalla discoteca: è caccia agli aggressori

Nessuna traccia dei quattro ragazzi del branco che all’arrivo degli agenti, si erano già dati alla fug


NAPOLI – Dieci giorni di prognosi e ferite multiple alle braccia e alle gambe. Questo il bilancio dell’ultima serata di follia a Bagnoli, dove un giovane 20enne di Ponticelli è stato pestato da quattro ragazzi, al termine di una serata in discoteca. Una furia senza senso che è iniziata poco dopo le 4 del mattino in piazzetta Bagnoli e che poteva finire in tragedia. La vittima era sotto la pensilina dell’autobus quando sono iniziati i primi sfottò, le minacce e gli insulti. Poco dopo l’aggressione scatenata dalla reazione del giovane che – per sottrarsi alla furia al pestaggio – si è rifugiato in un bar poco distante. Proprio lì sono intervenuti gli uomini del commissariato di zona che insieme al personale del 118, gli hanno prestato i primi soccorsi. Immediato il trasporto al vicino ospedale San Paolo, dove le ferite e le contusioni dell’aggressione, sono state giudicate guaribili in dieci giorni.

Nessuna traccia dei quattro ragazzi del branco che all’arrivo degli agenti, si erano già dati alla fuga. Richieste dai poliziotti le immagini delle telecamere di videosorveglianza che dovranno chiarire la dinamica dei fatti, confermata da alcune testimonianze raccolte in zona.

FONTE: ILMATTINO.IT