Poliziotto investito ed ucciso a Pozzuoli: ci sono due indagati

Poliziotto investito ed ucciso a Pozzuoli: ci sono due indagati

Nel mirino degli inquirenti un autista di un autobus dell’Eav e il conducente di una Fiat Panda


POZZUOLI – Due persone sono indagate per la morte del vicequestore del Reparto Mobile di Napoli, Ciro Lomaistro, 50 anni, avvenuta nella serata di sabato in via Solfatara a Pozzuoli in seguito ad un incidente stradale. Queste le prime conclusioni a cui è pervenuta la Polizia Municipale di Pozzuoli al termine di una intensa giornata di indagini. Decisive le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza privata e pubblica presenti in zona e che hanno permesso una prima attendibile ricostruzione dei fatti.

A finire sotto i riflettori degli inquirenti sono un autista di un autobus dell’Eav e il conducente di una Fiat Panda.

LA RICOSTRUZIONE DELL’INCIDENTE

Erano circa le 20 di sabato 28 dicembre, quando in via Solfatara, nei pressi del parco Di Bonito, un uomo a bordo di uno scooter ha perso la vita dopo un grave incidente.

Subito dopo lo schianto, sul posto è giunta un’ambulanza allertata dai passanti. Inutile, però, l’intervento dei paramedici che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo, deceduto sul colpo, a causa dei gravi traumi e ferite riportate che non gli hanno lasciato scampo.

La vittima, Ciro Lomaistro, 50 anni, avrebbe impattato con il suo mezzo contro un’auto. L’impatto ha sbalzato il conducente del veicolo a due ruote a diversi metri di distanza. Lomaistro era un poliziotto e prestava servizio nel Reparto Mobile della Questura di Napoli.

La salma del 50enne, che viveva a Pozzuoli, nel parco Bognar insieme alla moglie ispettore di Polizia e ai figli, è stata sequestrata e trasferita presso il centro di medicina legale del Secondo Policlinico di Napoli dove sarà effettuata un’autopsia che stabilità le cause del decesso.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI