Napoli, l’appello: “aiutiamo la piccola Francesca, serve donatore di midollo osseo”

Napoli, l’appello: “aiutiamo la piccola Francesca, serve donatore di midollo osseo”

L’sos lanciato dalla dirigente della sua scuola. La piccola ha bisogno di essere operata per poter continuare a vivere. Ecco come fare per poter contribuire


NAPOLI – «Vi prego di diffondere questo messaggio. Un’alunna della nostra scuola ha bisogno del vostro aiuto, ha bisogno di un trapianto di midollo osseo e i familiari sono incompatibili». Questo l’appello di Rosa Cassese, dirigente dell’istituto Madonna Assunta di Bagnoli. L’sos è rimbalzato da WhatsApp, ai social. Come è già successo per Alex, il bimbo inglese di madre napoletana curato a Roma, scatta la gara di solidarietà per Francesca, tanto che qualche ora dopo, sempre dal cellulare, la dirigente scolastica ha ringraziato tutti per la mobilitazione.

LEGGI ANCHE Il piccolo Alex festeggia un anno dal trapianto del midollo

Le prime a diffondere il messaggio sono state le docenti della ragazzina che la seguono costantemente. «Abbiamo attivato una serie di progetti per aiutare Francesca (il nome è di fantasia) a studiare anche in questo periodo difficile: ci sono insegnanti che vanno a farle lezioni a casa, ma anche collegamenti in videoconferenza». In questo momento, però – come riporta ilmattino.it- la bimba è ricoverata al Bambin Gesù in attesa di un donatore che le permetta di essere operata e continuare a vivere. Aiutarla è possibile rivolgendosi agli ospedali napoletani: i genitori, la dirigente scolastica e docenti della Madonna Assunta chiedono a tutti un gesto di solidarietà. Ci si può iscrivere alla banca dati donatori se si ha tra i 18 e 35 anni. La tipizzazione (cioè il tampone salivare o il prelievo di sangue per entrare a far parte della banca dati mondiale) è veramente veloce, si resta iscritti nel registro fino a 55 anni. Ci si può iscrivere al registro dei donatori anche in ospedale rivolgendosi al Policlinico, padiglione 9 (telefono 081/7462531) o rivolgendosi al Centro trasfusionale del Policlinico Vecchio (telefono 081/5665064/78) o al Centro trasfusionale dell’Azienda ospedaliera Cardarelli (telefono 081/7472492).