Omicidio Diabolik: arrestato esponente dei Casamonica e noto avvocato

Omicidio Diabolik: arrestato esponente dei Casamonica e noto avvocato

I due hanno contribuito alla pace tra il clan mafioso Spada e un altro gruppo criminale


diabolikdiabolik

ROMA – Svolta sul caso dell’omicidio di Diabolik, Fabrizio Piscitelli noto capo ultrà, avvenuto lo scorso luglio nel Parco degli Acquedotti in via Lemonia. L’uomo fu ucciso a causa di un colpo di pistola ma non venne trovato il colpevole fino a questa mattina quando la GdF ha tratto in arresto Salvatore Casamonica, esponente dell’omonimo clan, e Lucia Gargano, avvocato del Foro di Roma.

Entrambi sono indagati per reato di concorso esterno in associazione a delinquere: il primo è stato tradotto in carcere per direttissima mentre la seconda è agli arresti domiciliari. I due hanno contribuito, come emerso dalle intercettazioni, alla pace tra il clan mafioso Spada e un altro gruppo criminale capeggiato da Marco Esposito, chiamato “Barboncino”.

LE INTERCETTAZIONI RIPORTATE DA ‘IL MATTINO’

Un summit mafioso il 13 dicembre 2017 nel ristorante Oliveto di Grottaferrata. Al tavolo sedevano Salvatore Casamonica e Fabrizio Piscitelli. L’obiettivo era garantire la pax mafiosa a Roma tra Casamonica, Spada e l’organizzazione criminale capeggiata da Dabolik, ucciso nell’agosto scorso. Proprio il legale, un’avvocatessa romana, secondo il pm Giovanno Musarò avrebbe svolto un ruolo di mediazione.

Durante il summit, Diabolik chiede all’avvocato: “Ma quando gli ho scritto la lettera di questa situazione di Romolo (Spada ndr) tu gliene hai parlato?,” e il legale risponde: “io ho parlato con Romolo”. Dopo di che scrive il gip nell’ordinanza: “si discuteva degli equilibri mafiosi di Ostia e della necessità di mettere pace tra il clan Spada e il gruppo riconducibile a Marco Esposito, detto Barboncino. Piscitelli rappresentava Barboncino, mentre Casamonica e l’avvocatessa erano i plenipotenziari degli Spada. Si legge ancora nell’ordinanza: “Casamonica e Piscitelli fungevano da garanti per l’accordo’.

“Ti ripeto Fabrì – dice Salvatore Casamonica durante il pranzo monitorato dalla Finanza – sappi che io e te ci stiamo mettendo in mezzo per fare da garanti, però poi devono fare i bravo davvero”. Replica Piscitelli: “bravo eh, sui miei ti metto tutt’e due le mani sul fuoco”. [10:58, 14/2/2020] Valentina Errante: L’Avvocatessa Durante il summit di Grottaferrata, l’avvocatessa viene incaricata da Piscitelli e Casamonica di portare un messaggio a Ottavio Spada, detenuto, che lei può incontrare in qualità di legale. Messaggio che l’avvocato avrebbe portato effettivamente a nove giorni dal pranzo, durante un colloquio con il suo cliente.

Monitorando sul territorio l’evolversi di diverse trattative criminali, i Finanzieri e i loro undercover hanno intercettato, in presa diretta, Salvatore Casamonica e “Diabolik” mentre concordavano la pax mafiosa tra il clan Spada e il sodalizio lidense facendo capo a Esposito. Per siglare e mantenere l’accordo, i due “garanti” (“…io e te ci stiamo mettendo in mezzo per fare da garanti eh!…”) avevano però bisogno del supporto di un professionista quale trait d’union con libertà di movimento, credibile agli occhi degli altri criminali e con possibilità di accesso alle aule di Tribunale e agli istituti carcerari.
 

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage