Coronavirus, primo caso a Qualiano: è in isolamento domiciliare con la famiglia

Coronavirus, primo caso a Qualiano: è in isolamento domiciliare con la famiglia

A confermarlo il sindaco Raffaele De Leonardis su Facebook


qualiano

QUALIANO – Primo caso di coronavirus covid-19 a Qualiano, il contagiato è un uomo che dopo aver accusato i sintomi nei giorni scorsi è stato sottoposto al test del tampone che ha dato risultato positivo. Attualmente la persona infetta si trova a casa in isolamento domiciliare da otto giorni con la sua famiglia e le sue condizioni di salute sono abbastanza buone.

A confermare la notizia anche il sindaco di Qualiano, Raffaele De Leonardis, attraverso la propria pagina Facebook. Il primo cittadino ha sentito telefonicamente l’uomo – di età tra i 40 e i 50 anni – per accertarsi delle sue condizioni e manifestargli la vicinanza sua e dell’amministrazione.

Il contagio potrebbe essere avvenuto dopo il contatto con una persona residente a Villaricca risultata positiva. Restano sotto osservazione i parenti che vivono in casa con lui.

Questo il post del primo cittadino:

Come avevo detto, non nasconderò mai nulla ai cittadini sulla questione Coronavirus e stasera purtroppo devo rivelarvi di aver ricevuto la chiamata dell’ASL che mi ha avvertito del primo caso positivo al Covid-19 a Qualiano.

L’uomo è a casa in quarantena domiciliare da 8 giorni, cioè da quando ha accusato i primi sintomi. L’ho sentito al telefono e sta bene. Gli ho rappresentato la vicinanza delle istituzioni e di tutta la comunità.

L’ASL Napoli 2 Nord ha già attivato tutte le procedure per ricostruire la rete dei contatti avuti dalla persona che presumibilmente è stato contagiato dopo aver incontrato una persona poi risultata positiva di Villaricca.

Vi aggiornerò costantemente sull’evoluzione clinica. Con trasparenza e chiarezza. Senza mai nascondervi nulla.

In questo momento è fondamentale non farsi prendere da panico e ansie ingiustificate.

Anche se voglio che sia chiaro ad ognuno di voi che viviamo una problematica seria, grave. Parliamo di un’emergenza sanitaria nazionale. Una pandemia. Lo ripeterò fino allo sfinimento: dovete restare assolutamente a casa. Ed uscire solo in caso di urgenza.

Dal canto nostro, siamo al lavoro incessantemente e monitoriamo la situazione 24 ore su 24.