Giugliano, tanti barbieri e parrucchieri al lavoro nonostante i divieti per il coronavirus

Giugliano, tanti barbieri e parrucchieri al lavoro nonostante i divieti per il coronavirus

La denuncia arriva direttamente dai colleghi di questi furbetti del pettine e del rasoio, che lanciano il loro grido d’allarme


barbieri

NAPOLI NORD – Barbieri e parrucchieri di Giugliano, Villaricca ed altri comuni dell’hinterland continuano a lavorare nonostante il divieto imposto dal decreto del presidente del consiglio dei ministri per evitare i contagi da coronavirus. La denuncia arriva direttamente dai colleghi di questi furbetti del pettine e del rasoio, che lanciano il loro grido d’allarme partito dai loro gruppi social “Barbieri e parrucchieri giuglianesi”.

“Sono decine le segnalazioni arrivate alla chat del nostro settore – fanno sapere i barbieri – sappiamo che nelle zone di Giugliano, Villaricca e paesi limitrofi sono tanti coloro che continuano a svolgere indisturbati l’attività di barbiere e parrucchiere.

Alcuni offrono servizi a domicilio, altri aprono le porte del negozio alla clientela e poi chiudono la saracinesca per sfuggire ai controlli. Abbiamo deciso di denunciare questa situazione perché in ballo c’è la salute di tutti. In un momento in cui vengono richiesti sacrifici importanti alle attività produttive, è inammissibile che certi soggetti antepongono i guadagni alla vita umana”.

“Ciò che stiamo denunciando lo facciamo anche per l’intera categoria che mai come in questo momento è unita. Inoltre, ci stiamo organizzando – rivela il gruppo di acconciatori maschili – per formare una vera e propria associazione di categoria che ci tuteli all’insorgenza di situazioni simili.