Quarantena di sangue in Campania: prende la moglie a martellate poi tenta il suicidio

Quarantena di sangue in Campania: prende la moglie a martellate poi tenta il suicidio

Sul posto sono giunte in breve tempo le ambulanze. Sulle cause del tragico episodio stanno indagando i Carabinieri


AIROLA (BN) – Tragico tentativo di omicidio – suicidio nel beneventano, forse dovuto anche allo stress da quarantena. Un uomo ha colpito diverse volte la moglie alla testa con un martello poi, quando l’ha vista riversa in un mare di sangue ha tentato di togliersi la vita, tagliandosi le vene. E’ accaduto – come riporta ilcaudino.it – ad Airola, in provincia di Benevento. Entrambi sono ancora vivi, grazie al tempestivo intervento della postazione del 118 di Airola e dall’ambulanza rianimativa che è accorsa dall’ospedale Rummo di Benevento. La donna è stata stabilizzata e, da poco è giunta all’ospedale San Pio di Benevento dove, molto probabilmente, dovrà essere sottoposta ad un intervento chirurgico alla testa. Anche il marito è stato stabilizzato, anche lui è arrivato in codice rosso all’ospedale, ma le sue condizioni sembrano meno gravi.

Tutto è avvenuto poco fa, in un’abitazione di via Annunziata. Ad un certo punto, il silenzio di questi giorni di quarantena e di chiusura forzata in casa, è stato squarciato da urla disumane. Qualcuno ha capito quello che stava avvenendo ed ha avvisato i carabinieri.

Ma, quando sono arrivati gli uomini dell’Arma, la tragedia era stata già consumata e solo il tempestivo aiuto dei soccorritori potrebbe salvare la vita a moglie e marito, entrambi ancora tra la vita e la morte. Sulle cause di questo fatto di sangue stanno indagando i carabinieri.